menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto tratto da Google Immagini

Foto tratto da Google Immagini

Ragazzina di 13 anni viene presa a testate dai bulli

Grave episodio di bullismo in una scuola media del Coneglianese. Una ragazzina che aveva raccontato alla prof le bravate di un gruppo di suoi compagni è stata aggredita e picchiata

Giovani bulli fuori controllo in una scuola media del Coneglianese. Un branco di ragazzini avrebbe circondato nelle scorse ore due ragazzine colpendo una di loro con una testata. La tredicenne è finita al pronto soccorso per il colpo ricevuto allo zigomo sinistro.

Il motivo dell'aggressione, stando a quanto riportato da "Il Gazzettino di Treviso", sarebbe da individuare nel fatto che le due studentesse avevano raccontato a genitori e insegnanti le bravate che il gruppo di bulli era solito filmare a scuola e pubblicare nella chat di Whatsapp condivisa tra tutti i compagni di classe. Scherzi continui ai compagni, piccoli atti vandalici e bravate quasi sempre all'interno della scuola: sarebbero questi i passatempi preferiti da un gruppo di 5-6 minorenni divenuti l'incubo dei loro compagni di classe. Per vantarsi delle loro spacconate i baby-bulli pubblicavano spesso nella chat di Whatsapp i video delle loro bravate. Nessuno dei ragazzini aveva il coraggio di denunciare i bulli per paura di possibili ritorsioni ma, nei giorni scorsi, due ragazzine di 13 anni si sono fatte coraggio e hanno parlato dei bulli alle loro madri, una di queste insegnante di professione. Immediata la chiamata a scuola da parte del genitore. A quel punto i bulli, intuendo che le loro spacconate erano finite nel mirino degli insegnanti, hanno capito al volo che qualcuno dei compagni li aveva smascherati.

Individuate le due responsabili della soffiata, i ragazzini hanno aspettato la ricreazione per accerchiare le due amiche lontano da occhi indiscreti. A questo punto hanno strattonato con violenza una delle due mentre la seconda è stata colpita da una testata allo zigomo sinistro. Terrorizzata e in lacrime la ragazzina è riuscita a chiedere aiuto alle collaboratrici scolastiche che hanno soccorso le giovani fino all'arrivo dei genitori. La tredicenne è stata portata in pronto soccorso dove le è stato medicato l'ematoma. La famiglia ha provato a denunciare l'accaduto alla dirigenza che per il momento non sembra ancora aver preso provvedimenti nei confronti dei baby-bulli. I genitori della tredicenne presa a testate hanno deciso di non mandare più a scuola la loro bambina fino a quando la dirigenza non stabilirà con quali sanzioni punire il branco di ragazzini fuori controllo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento