Ruba oltre 9mila euro in contanti a una cantina: 38enne in manette

La rapina è avvenuta giovedì 17 dicembre a Farra di Soligo. Il ladro, colto sul fatto da un'impiegata, l'ha aggredita per poi darsi alla fuga ma è stato rintracciato dai carabinieri

Nella tarda mattinata di giovedì 17 dicembre i carabinieri di Pieve di Soligo hanno arresto un uomo di 38 anni che aveva appena rubato 9.400 euro in contanti da una cantina di Farra di Soligo.

La rapina è avvenuta poco prima dell'orario di pranzo: il 38enne italiano, residente in zona, si è presentato in cantina e, approfittando dell'assenza momentanea di una dipendente, ha iniziato a rubare tutti i soldi presenti all'interno dell'ufficio per un totale di 9400 euro. Non sapendo dove nasconderli, il ladro aveva appoggiato gran parte delle banconote sopra i tavoli dell'ufficio. Quando la dipendente è rientrata ha colto sul fatto il malvivente e ha provato a dare l'allarme. Il ladro, a quel punto, ha preso le banconote e, dopo aver spintonato la donna, ha guadagnato l'uscita fuggendo in fretta e furia. Immediata la chiamata ai carabinieri, intervenuti sul posto pochi minuti dopo. Grazie alla descrizione fatta dall'impiegata, i militari dell'Arma hanno rintracciato il ladro poche ore dopo. Si era nascosto in un casolare a pochi metri di distanza dalla cantina ed era ancora in possesso della refurtiva, riconsegnata alla cantina dai carabinieri. Per il 38enne, invece, sono scattate le manette. Questa mattina, venerdì 18 dicembre, è stato portato in tribunale a Treviso per l'udienza di convalida del fermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Corre in strada nuda e insanguinata: i residenti chiamano la Polizia

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento