Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Via Postumia Ovest

Rapina nella notte al Centro Tiziano: ladri sparano ai carabinieri

I ladri hanno fatto esplodere il bancomat della Antonveneta, ma sono stati scoperti e nella fuga hanno persino sparato ai militari

La conferenza stampa dei carabinieri

SAN BIAGIO DI CALLALTA Tentata rapina nella notte tra lunedì e martedì al Centro Commerciale Tiziano in via Postumia Ovest a Olmi di San Biagio di Callalta. Ignoti verso le 2.50 hanno fatto esplodere il bancomat all'interno della struttura con l'obiettivo di impossessarsi dei 90mila euro contenuti nelle cassette, ma il frastuono provocato ha attirato una gazzella dei carabinieri in pattuglia nella zona. 

Immediatamente i militari si sono quindi precipitati a controllare cosa fosse successo nell'immobile scoprendo così almeno tre uomini, con il volto travisato da un passamontagna, intenti ad armeggiare con lo sportello Atm di Banca Antonveneta. All'alt intimato dai carabinieri però il trio ha subito abbandonato gli strumenti per lo scasso ed è scappato lontano attraverso i campi che si trovano dietro il Tiziano, verso la ferrovia in direzione San Martino dove ad attenderli era probabilmente presente un complice che li ha recuperati per poi fuggire con i favori del buio nonostante l'arrivo in zona di una seconda pattuglia. Durante il breve inseguimento però i malviventi hanno anche sparato sette colpi in direzione dei rappresentanti dell'Arma che a loro volto hanno risposto al fuoco; fortunatamente comunque nessuno è rimasto ferito, ma ancora non sono stati ritrovati i bossoli dei colpi sparati, fatto che porta a pensare all'utilizzo di un semplice revolver.

Nullo poi anche il bottino, in quanto il denaro è rimasto all'interno del bancomat nonostante l'esplosione creata con della polvere pirica. In ogni caso dalla strumentazione recuperata all'interno del centro commerciale si è potuto notare come il colpo fosse stato preparato nei minimi dettagli: per prima cosa i ladri hanno tagliato una recinzione della Vega nei pressi dei campi posteriori e della zona di carico/scarico e poi ne hanno scavalacata una seconda per potersi così avvicinare indisturbati ad una porta antipanico, poi forzata, nei pressi dello sportello. Non paghi però di quanto già fatto, hanno avuto anche il tempo di coprire con una cerata scura un cancello nelle vicinanze per impedire a qualcuno di esterno di vedere cosa stesse avvenendo all'interno. Sul luogo della tentata rapina sono stati poi trovati abbandonati un piede di porco, della polvere pirica, delle batterie, una ricetrasmittente ed un flessibile, tutto materiale poi sequestrato. Nei prossimi giorni verranno comunque visionate le immagini delle telecamere di sicurezza per dare un volto ai malviventi e cercare di capire perchè l'allarme della struttura non sia suonato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina nella notte al Centro Tiziano: ladri sparano ai carabinieri

TrevisoToday è in caricamento