menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapinato in pizzeria il titolare del Lago Verde, nella banda anche la ex

Sono entrati in pizzeria, l’hanno legato e picchiato minacciandolo con una pistola fra le mani, l’hanno derubato e se ne sono andati

Sono entrati in pizzeria, l’hanno legato e picchiato minacciandolo con la pistola, l’hanno derubato e se ne sono andati. Ma la loro fuga non è durata molto perché tutti e quattro sono finiti nei guai, compresa la compagna che faceva parte della banda pur non avendo preso parte alla rapina. È accaduto il 4 luglio al titolare della pizzeria “Lago Verde” di Silea, il 40enne Raffaele Barazzuol.

A finire in manette tre kosovari giovanissimi, tra i 19 e i 25 anni, M.K., J.S. e L.G, accusati di aver messo a segno la rapina. Insieme a loro, residenti tra San Donà di Piave, Casier e Treviso, sono state denunciate altre cinque persone, tra cui l’ex fidanzata della vittima, una 27enne di origini colombiane. I due, dopo una lunga relazione, si erano lasciati e la rapina è stata messa a segno solo in seguito. A incastrarli alcuni mozziconi di sigaretta lasciati a terra a pochi metri di distanza dalla pizzeria. In quell'occasione i banditi erano riusciti a rubare a Barazzuol 35mila euro, due orologi Rolex e un Montblanc.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Attualità

Malore fatale in piazza: addio al medico-pilota Csaba Gombos

Salute

A Monastier il nuovo hub vaccinale anti-Covid per le aziende venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento