rotate-mobile
Cronaca Selvana / Viale Gian Giacomo Felissent

A caccia di metadone rapinano il Ceis, arrestati dai carabinieri

L'episodio è avvenuto la notte tra venerdì e sabato in viale Felissent a Treviso. I responsabili sono stati fermati domenica mattina ad Arezzo

Sono scappati verso il centro Italia dopo la rapina ma sono stati rintracciati dai carabinieri all'indomani del colpo.

A essere preso d'assalto, la notte tra venerdì e sabato, il Ceis di viale Felissent a Treviso. Non per i soldi ma per il metadone. Poco dopo la mezzanotte un operatore del centro, un 40enne di Montebelluna, ha sorpreso due giovani di 25 e 30 anni, di Belluno uno e friulano l'altro, mentre cercavano di sottrarre alcuni flaconi di metadone.

I due giovani, probabilmente in preda a una crisi di astinenza, hanno reagito aggredendo il 40enne e immobilizzandolo su una sedia con i cordoni dell’accappatoio e infilandogli un canovaccio nella bocca. L’hanno intimato a consegnare loro il suo bancomat e le chiavi della macchina, scappando via con un televisore e 12 confezioni di metadone. L’operatore è riuscito a liberarsi e a dare l'allarme solo sei ore dopo.

I carabinieri, in possesso della targa dell'auto con cui erano fuggiti i rapinatori, quella dell'operatore, hanno diramato le ricerche in tutto il Paese e  domenica mattina li hanno rintracciati telefonicamente ad Arezzo, convincendo uno dei due, N.S., un 25enne originario di Udine senza fissa dimora  in evidente stato confusionale, a consegnarsi.

Ma il compagno, un 30enne, A.Z. di Belluno, è stato trovato alle 10 steso a terra in un campo in una località vicina, in mezzo alle piante, in overdose da farmaci. Al momento quest’ultimo si trova in ospedale.

I due dovranno rispondere di rapina aggravata in concorso e, probabilmente, di sequestro di persona. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A caccia di metadone rapinano il Ceis, arrestati dai carabinieri

TrevisoToday è in caricamento