menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La conferenza stampa sull'operazione della polizia amministrativa

La conferenza stampa sull'operazione della polizia amministrativa

Scommesse illegali: scoperte due ricevitorie senza apposita licenza

Operavano con la Stanleybet Malta, ma non avevano la licenza per farlo. Denunciati i due gestori dei locali e sequestrate le ricevute delle vincite

TREVISO - Gestivano un giro di scommesse "illegali" grazie ad un allibratore estero con sede a Liverpool, ossia la Stanleybet Malta, e grazie a questi affari si garantivano entrate extra mensili non di poco conto, qualche migliaio di euro in più grazie a delle quote maggiormente vantaggiose rispetto alla Snai o ad altri servizi simili.

A finire nel mirino della polizia amministrativa di Treviso sono state due ricevitorie della Marca, nello specifico una con sede in via Marconi 32 a Paese e una proprio sotto la Prefettura in Piazza dei Signori, nel pieno centro città. Nel primo caso si tratta di un classico bar che però, a fronte di un possibile facile guadagno con le scommesse, ha deciso di installare anche un punto per la gestione della clientela affezionata alle puntate sul calcio o altri eventi sportivi; nel secondo caso invece la ricevitoria aveva tutte le licenze in regola, ma in una seconda stanza del locale aveva installato uno schermo e un punto scommesse proprio dedicato alla Stanleybet.

?Il problema comune ad entrambe le ricevitorie è il fatto che tutte e due in passato avevano fatto richiesta di licenza per operare con tale allibratore estero, vedendosela però respinta sia dal Monopolio di Stato (che non riconosce le pratiche di questa società di scommesse già conosciuta inoltre alle forze dell'ordine) che dalla Prefettura di Treviso per motivi di ordine e sicurezza pubblici. Nonostante questo però, probabilmente invogliati dalle quote maggiorate di vincita e da possibili "facili guadagni" hanno deciso comunque di affidarsi alla Stanleybet pur senza la licenza e per questo i gestori italiani delle due attività sono stati denunciati e fatti oggetto di sequestro delle ricevute di vincita della clientela e di tutto il materiale informatico inerente il giro di affari telematico (computer, stampanti, scanner e lettori magnetici).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento