Vende pneumatici on line ma non li spedisce, 22enne denunciato

Ad essere raggirato un 20enne di Loria che aveva pagato una somma di quasi mille euro. Truffa e appropriazione indebita, ai domiciliari un imprenditore vittoriese di 63 anni

Un cambio gomme

Nei giorni scorsi, al termine di accurate indagini, i carabinieri della stazione di Riese Pio X hanno denunciato per truffa un cittadino romeno 22enne, A.P.C.C., residente a Roma, già noto alle cronache giudiziarie. L'uomo aveva pubblicato su un noto sito di compravendite on line un annuncio per la vendita di quattro pneumatici, per la somma di 990.00 euro. All'inserzione aveva risposto un operaio 20enne di Loria, che ha effettuato una ricarica su una carta prepagata. Come nel più classico di questo tipo di raggiri, il venditore si è reso irreperibile ed è stato identificato dai carabinieri solo al termine dell'attività investigativa che ha portato alla sua denuncia.

Nella mattinata di oggi, venerdì 16 ottobre, due persone sono state colpite da altrettanti provvedimenti restrittivi emessi dall'Autorità Giudiziaria. I carabinieri della stazione di Vittorio Veneto hanno rintracciato e posto agli arresti domiciliari un imprenditore 63enne del posto, con precedenti, condannato ad un anno e nove mesi dal Tribunale di Treviso per i reati di truffa e appropriazione indebita. Sempre ai domiciliari anche un 26enne che è stato rintracciato dai carabinieri della stazione di Conegliano. Il giovane doveva scontare 4 mesi di reclusione per guida in stato di ebbrezza, condanna emessa dal Tribunale di Venezia per un reato commesso nel 2015 nel veneziano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento