rotate-mobile
Cronaca Autostrada Serenissima

Abbandona rifiuti in autostrada: ripreso dalle nuove telecamere

La società "Concessioni autostradali venete" ha installato una serie di occhi elettronici nelle piazzole di sosta in A4 e A57 aumentando i controlli contro gli automobilisti che scaricano illegalmente i rifiuti

Ferma l’auto nella piazzola di sosta, scarica un sacco di rifiuti nel contenitore a servizio dell’autostrada, poi riparte. Il caso, avvenuto nelle scorse settimane in A57, tra il casello di Mirano-Dolo e la barriera di Mestre, è stato ripreso dalle telecamere di Concessioni Autostradali Venete e non è isolato. Negli ultimi tempi l’abbandono di rifiuti in autostrada sembra diventata una costante di inciviltà, per questo la società ha deciso di mettere un freno al fenomeno, posizionando alcune “telecamere di piazzola” pizzicando i primi furbetti.

Nelle piazzole autostradali sono presenti bidoni per il conferimento dei soli rifiuti prodotti durante il viaggio. In nessun modo è consentito il loro utilizzo per lo scarico di rifiuti di altra provenienza: evidentemente, invece, qualche pendolare ne approfitta per liberarsi di ingombri (e costi) a proprio carico. Le quantità recuperate dagli addetti dipingono un fenomeno tutt’altro che sporadico: negli ultimi tre anni la media annua di rifiuti assimilabili agli urbani recuperati nelle piazzole di sosta lungo le competenze Cav è stata di 101.740 chilogrammi, di cui circa la metà riguardante conferimenti illeciti, perché di chiara provenienza domestica. Parte di questi sono anche scarti pericolosi per l’ambiente, che dovrebbero seguire una filiera di smaltimento dedicata: si parla di olio, vernici, perfino batterie esauste ed elettrodomestici. A queste categorie appartengono ben 16.954 chili di materiale recuperato in autostrada, di cui circa il 30-40% rinvenuto solo nelle piazzole di sosta. C’è poi la parte di pneumatici, interi o a pezzi, che in autostrada risulta considerevole: 10.150 chilogrammi recuperati in media ogni anno.

Seppur ancora in fase sperimentale, il nuovo sistema di controllo sta già dimostrando di costituire un argine al malcostume di alcuni utenti, permettendo, da un lato, di confermare la provenienza illecita di parte dei rifiuti recuperati in piazzola, dall’altro contribuendo a identificare e sanzionare i responsabili dell’abbandono. Abbandono che, oltre a costituire un danno ambientale, in autostrada rappresenta anche un problema di sicurezza: la fermata in carreggiata infatti è consentita solo per motivi di emergenza. Le telecamere installate recentemente da Cav puntano a portare benefici su entrambi i fronti: il loro posizionamento, infatti, mira a produrre effetti positivi sia in merito all’ecosostenibilità dell’infrastruttura che alla sicurezza degli automobilisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbandona rifiuti in autostrada: ripreso dalle nuove telecamere

TrevisoToday è in caricamento