Cronaca

Stoccaggio rifiuti, irregolarità in quattro aziende della Marca

I militari del nucleo operativo ecologico, nell’ambito di una programmata attività di prevenzione e controllo, sono intervenuti a Quinto, Salgareda, San fior e Motta di Livenza

TREVISO I titolari ed i legali rappresentanti di quattro ditte della provincia di Treviso, tutte operanti nel ciclo dei rifiuti, sono stati segnalati alla Procura della Repubblica del capoluogo dai carabinieri del nucleo operativo ecologico. I militari, nell’ambito di una programmata attività di prevenzione e controllo, sono intervenuti a Quinto di Treviso, Salgareda, San fior e Motta di Livenza, rilevando a carico delle imprese inosservanze alle prescrizioni previste dalle autorizzazioni emanate dalla provincia in relazione all’idonea cartellonistica, al corretto stoccaggio dei rifiuti, di prevalenza natura inerte, nonché al rispetto delle aree interne di manovra e sicurezza.

Attesa la natura non pericolosa dei rifiuti trattati, ai responsabili delle infrazioni accertate è stato ora concesso, secondo quanto stabilito dalla normativa ambientale in vigore, un preciso termine per mettersi in regola ed adempiere a quanto loro imposto dai militari dell’arma. Solo il rispetto delle prescrizioni comporterà l’archiviazione del procedimento penale, fatto salvo comunque il pagamento di una sanzione amministrativa dell’ordine di alcune migliaia di euro. I controlli dei carabinieri del Noe, nucleo operativo ecologico, proseguiranno nelle prossime settimane, interessando anche le altre province di competenza: Belluno, Vicenza e Verona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stoccaggio rifiuti, irregolarità in quattro aziende della Marca

TrevisoToday è in caricamento