menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un controllo dei carabinieri

Un controllo dei carabinieri

Sequestrati 83 tonnellate di rifiuti, due aziende trevigiane nei guai

Indagine dei carabinieri forestali di Padova. Il materiale, soprattutto plastica, carta e cartone, è stato ritrovato all'interno di tre container che erano destinati all'estero. La documentazione doganale non corrispondeva

I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Venezia, unitamente al Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Padova, con il supporto del Dipartimento Provinciale di Venezia Controlli Ambientali, hanno sequestrato nel porto di Venezia circa 83 tonnellate di rifiuti di vario genere pronte e partire per l'India e il Pakistan. I rifiuti - plastici e di carta e cartone – sono stati rinvenuti all’interno di tre container. Le attività investigative, svolte in coordinamento tra i funzionari ADM e i Carabinieri Forestali di Padova, sono iniziate a seguito di un controllo effettuato a Casale di Scodosia dai Carabinieri che ha comportato il sequestro di alcune decine di tonnellate di rifiuti plastici, costituiti da scarti di lavorazione di bobine di film plastico.

Recupero e riciclo

A seguito di specifiche attività di analisi di rischio e con l’ausilio dell’apparecchiatura scanner a raggi X in dotazione, i funzionari hanno individuato alcuni container contenti merci (in seguito rivelatisi rifiuti) non corrispondenti alla documentazione doganale presentata dall’esportatore. La successiva verifica tecnica dei carichi ha permesso di accertare la presenza, al loro interno, di imballi di residui di lavorazione derivanti da industrie della carta e della plastica, provenienti in parte anche da altri paesi unionali e gestiti in violazione delle disposizioni Europee e della normativa nazionale relative al recupero e riciclo. Le attività svolte in sinergia tra ADM e l’Arma dei Carabinieri hanno consentito di smascherare un tentativo di traffico illecito di rifiuti che, sotto falsa dichiarazione era destinato a raggiungere l’India e il Pakistan. I rifiuti, verosimilmente, sarebbero entrati nel ciclo di recupero della carta da macero e della plastica per la produzione di materia prima secondaria per l’industria tessile. Le due ditte proprietarie della merce prima dell’esportazione sono state segnalate per il reato di gestione illecita di rifiuti, mentre la ditta esportatrice è stata segnalata per i reati di falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico ed esportazione illecita di rifiuti, anche in virtù del fatto che nessuno degli indagati è stato in grado di fornire né la tracciabilità e né la prova che la merce oggetto dell’esportazione non si trattasse di rifiuto come, pertanto, è stato qualificato e sequestrato. Tre i denunciati: uno straniero di una società di trasporto e stoccaggio e due trevigiani, titolari di altrettante ditte che lavorano nel settore degli imballaggi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento