Rinnovo G.i.t. di Treviso - Banca Etica

Alberto Tessariol, confermato coordinatore del G.I.T. di Treviso di Banca Etica.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Alberto Tessariol confermato coordinatore della circoscrizione dei soci della Provincia di Treviso di Banca Etica. Il giovane montebellunese, insieme a Simona Berlese - vice coordinatrice, continuerà a guidare il G.I.T. (Gruppo di Iniziativa Territoriale), organo direttivo dei quasi mille soci di Banca Etica presenti in provincia di Treviso. Triennale la durata del mandato.

L'elezione è avvenuta nel corso della riunione del nuovo Gruppo, composto di nove membri, svoltasi nella serata di venerdì 21 novembre nel capoluogo trevigiano. Novità nelle fila del direttivo, con l'ingresso di Daniele Benzon - "anima" del quartiere Fiera di Treviso, il Prof. Paolo Scapinello e Daniele Brancaleoni - presidente dell'associazione Veneto Cultura.

«Il nostro obiettivo, in continuità con quanto fatto sinora» - dice Alberto Tessariol - «sarà rappresentare per sempre più persone l'alternativa concreta e praticabile alla finanza tradizionale, cercando di promuovere soprattutto nei confronti dei giovani tale possibilità, visto anche il potenziamento e lo sviluppo del canale WEB della Banca». «Le banche etiche e sostenibili» - aggiunge sempre il coordinatore - «hanno evidenziato performance finanziarie migliori rispetto alle più grandi banche del mondo (le cosiddette "too big to fail"), come dimostra una recente ricerca internazionale. Scegliere la finanza etica, quindi, ha la doppia valenza di mettere al centro uomo e ambiente e, al contempo, scegliere chi eroga circa il doppio del credito, in proporzione agli attivi di bilancio, rispetto alle banche di sistema e ha una solidità patrimoniale maggiore rispetto a queste ultime».

«Ringrazio tutti i membri del G.I.T.» - conclude Tessariol - «della fiducia dimostratami. Continueremo a svolgere al meglio, insieme, il nostro servizio. I tre anni trascorsi sono stati al tempo stesso impegnativi e ricchi di soddisfazioni. L'inaugurazione della nuova filiale a Treviso, nell'ottobre scorso, è stato un grande traguardo e, da qui in avanti, un punto saldo nella diffusione della cultura della finanza etica sul territorio». I soci consistono nel vero patrimonio di Banca Etica. Una concezione nuova e originale nel panorama del sistema bancario che rappresenta un serio tentativo di conciliare e coniugare il valore della partecipazione "associativa" con la responsabilità di una partecipazione "societaria". In Banca Etica i soci sono considerati soprattutto per la risorsa umana che rappresentano, per questo il loro coinvolgimento è ritenuto di primaria importanza.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento