Solo cinque iscritti, asilo a rischio chiusura

Gli spazi delle due scuole private invece sono tutti al completo, nonostante i costi più elevati, e sulla statale "Santa Favero" potrebbe calare la mannaia del ministero a chiudere le porte

MANSUE' La materna "Santa Favero" di Balsalghelle di Mansuè rischia di sparire. Troppo pochi gli iscritti alla scuola materna statale - come riporta il Gazzettino di Treviso - per una normale sopravvivenza. Gli spazi delle due scuole private invece sono tutti al completo, nonostante i costi più elevati, e sulla statale "Santa Favero" potrebbe calare la mannaia del ministero a chiudere le porte. Secondo il sindaco di Mansuè Leonio Milan, come riporta il Gazzettino, è complice il calo delle nascite in paese e un'immigrazione che si sposta verso altri lidi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C'è posto per 55 bambini alla materna statale ma se dovesse chiudere, in assenza di una classe prima, non ci sarebbe spazio per tutti loro nelle altre due scuole private. L'appello del primo cittadino ai genitori è chiaro: "Prendete in considerazione l'idea di iscrivere i vostri figli all'asilo statale dove, tra l'altro, non è previsto il versamento di alcuna retta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Guarisce dal Coronavirus e lancia un appello ai giovani: «Evitate la movida»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento