Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Centro / Piazza Indipendenza

Rissa a bottigliate in pieno centro, quattro giovani identificati

Sangue e vetri rotti venerdì sera in Piazza Indipendenza a Treviso. Sul posto carabinieri e polizia locale: fermate e identificate quattro persone, indagini in corso

Piazza Indipendenza a Treviso (Foto d'archivio)

Venerdì sera di follia in Piazza Indipendenza a Treviso: due ragazzi sono stati aggrediti e presi a bottigliate a pochi passi da Palazzo dei Trecento. L'aggressione è scoppiata pochi minuti dopo le ore 22: urla e vetri rotti sono stati seguiti dall'arrivo sul posto dei carabinieri di San Biagio di Callalta e di una volante della polizia locale.

La dinamica dell'accaduto è ancora al vaglio delle forze dell'ordine. Dalle prime ricostruzioni si presume che la rissa sia scoppiata dopo un diverbio iniziato in Via Trevisi. Dalle parole si è passati presto alle offese pesanti e alla violenza. In pochi minuti la situazione è degenerata e due giovani, raggiunti dagli aggressori in Piazza Indipendenza, sono stati presi a bottigliate riportando ferite alla testa e alle mani. I testimoni presenti sul posto riferiscono di vetri rotti e sangue sul selciato della piazza. Entrambi i ragazzi feriti sono stati portati in ambulanza al Ca' Foncello. Il più grave dei due sarebbe quello colpito alla testa anche se nessuno dei due sarebbe in pericolo di vita. Carabinieri e polizia locale hanno fermato e identificato quattro giovani in tutto coinvolti nella rissa, tra cui i due feriti: si tratta di S.Z. 20enne nato in Kosovo ma residente a Treviso, D.N 25enne originario di Motta di Livenza, residente a Villorba, ferito alla mano e D.W. 25enne nato a Vittorio Veneto e residente a Colfosco. La quarta persona identificata è un 31enne italiano andato in un momento successivo in ospedale a Treviso con una ferita al volto. Le forze dell'ordine sono ora al lavoro per accertare il ruolo dei quattro nella rissa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa a bottigliate in pieno centro, quattro giovani identificati

TrevisoToday è in caricamento