rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Cronaca

Rissa a Jesolo: identificati almeno in 20 appena maggiorenni, ci sono anche trevigiani

L'episodio è avvenuto in piazza Mazzini nella notte tra sabato e domenica, verso le 2.30. Si è trattato di un vero e proprio pestaggio con anche dei feriti

Arrivano a gruppi, sono appena maggiorenni, vanno verso la spiaggia. Un sabato sera di movida jesolana a piazza Mazzini che in breve prende la piega di una rissa generale. Alcune decine i ragazzi, sembrano bande, iniziano a sedersi sui lettini, appaiono alterati e la polizia in servizio di ordine pubblico prolungato sul posto li fa allontanare, almeno chi non ha titolo a restare lì. Si capisce che non tira buona aria. La maggior parte si sposta dall'arenile verso la piazza e scoppia il caos, il pestaggio generale. Botte, spintoni, pugni. Tutto ripreso dai telefonini, un video finisce sui social: si vedono i volti e le aggressioni. Sono tutti 18-20enni, sia dal veneziano che dal trevigiano, sia italiani che stranieri.

Giovane a terra

La grossa rissa è scoppiata. Sono le 2 e mezza circa. Un giovane rimane per terra supino, privo di sensi. La polizia è già nei dintorni e interviene. Il ragazzo portato via dal 118 sembra grave, ma si è appreso che non è in pericolo di vita. Per gli agenti è evidente che c'è stato abuso di alcol, forse anche di altre sostanze. I comportamenti sono eccessivi, c'è alterazione. La rissa viene subito spenta. Solo per fortuna, e per la presenza della polizia sul posto, le conseguenze dell'accaduto in pieno centro a Jesolo non sono gravi.

Rissa e lesioni

Identificati circa una ventina di giovani, la polizia procederà per rissa e lesioni. C'è il filmato girato dagli operatori della scientifica e i video delle telecamere di sorveglianza. Tutto verrà passato in rassegna al fine di rilevare responsabilità specifiche. Esclusi motivi di tipo razziale alla base dei fatti. Si è trattato di un tutti contro tutti: giovani alterati per uso smodato di alcol.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa a Jesolo: identificati almeno in 20 appena maggiorenni, ci sono anche trevigiani

TrevisoToday è in caricamento