menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calci, morsi e pugni: rissa per il parcheggio all'ex Pattinodromo

Due automobilisti trevigiani in cerca di parcheggio sono venuti alle mani nel pomeriggio di lunedì. Sul posto è intervenuta la polizia locale ma uno dei due si era già dato alla fuga

Si sa: trovare parcheggio in città non è mai facile. Se in più ci si aggiunge il maltempo di questi giorni la combinazione rischia di diventare letale. E infatti, lunedì pomeriggio, due automobilisti trevigiani in cerca di un posto auto sono venuti alle mani nel parcheggio dell'ex Pattinodromo.

A riportare la notizia è "La Tribuna di Treviso" che racconta come l'episodio sia avvenuto poco dopo le ore 15 di lunedì sotto gli occhi increduli di molti passanti che si trovavano da quelle parti. Uno dei due automobilisti, appena entrato nel parcheggio dal Put con la sua auto nera non si sarebbe accorto che l’altro, a bordo di una station wagon grigio scuro, stava già facendo retromarcia per inserirsi in un parcheggio vuoto, soffiandogli di fatto il posto auto sotto al naso. A quel punto il guidatore dell'auto nera sarebbe sceso dal veicolo su tutte le furie e avrebbe tirato un calcio alla macchina grigia che gli aveva rubato il parcheggio. Un affronto che avrebbe mandato in escandescenze il proprietario della station wagon, sceso subito dall'auto. I due automobilisti hanno iniziato a picchiarsi in mezzo al parcheggio: calci, pugni, morsi e schiaffi fino a quando qualche temerario passante non è riuscito a calmarli e a dividerli. Resosi conto della gravità del gesto appena compiuto, l'automobilista alla guida della station wagon si è allontanato dal parcheggio in fretta e furia con il volto sanguinante. L'altro automobilista ha aspettato invece l'arrivo sul posto della polizia locale. Gli agenti intervenuti hanno preso nota delle targhe delle due auto e svolto i rilievi del caso. Nelle prossime ore è molto probabile che i due focosi trevigiani saranno convocati in centrale per essere sentiti dalle forze dell'ordine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento