Risse a Treviso: «Servizi rinforzati ma le famiglie devono intervenire»

Maria Rosaria Laganà commenta il fenomeno delle risse tra ragazzi a Treviso: «Chiudere il centro storico sarebbe una sconfitta. Bisogna che i genitori sappiano cosa fanno i figli»

Il Prefetto di Treviso, Maria Rosaria Laganà, commenta con queste parole il fenomeno delle risse tra giovani in centro storico: «Chiudere il centro storico nel fine settimana per evitare il ripetersi delle risse sarebbe una sconfitta - esordisce - Le forze dell'ordine ci sono e saranno presenti senza bisogno di militarizzare la città».

Venerdì 24 settembre il Prefetto Laganà era a Oderzo per l'inaugurazione del progetto "Una stanza tutta per sé" all'interno del locale Comando dei carabinieri. «I servizi di controllo sono stati comunque rafforzati - prosegue - Nei giorni scorsi si è tenuto un comitato congiunto anche con il Comune di Treviso proprio su questo tema. Resta da capire cosa spinga questi giovani a trovarsi per picchiarsi con tutto un gruppo di ragazzine che smaniano per loro. Non è un bel segnale, direi che un intervento vecchio stampo delle famiglie potrebbe essere molto più utile di tanti controlli da parte delle forze dell'ordine. Sono comunque fiduciosa che queste bravate arriveranno presto alla fine» conclude il Prefetto.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Risse a Treviso: «Servizi rinforzati ma le famiglie devono intervenire»

TrevisoToday è in caricamento