Mezzo grammo di eroina a 20 euro, sgominata banda di giovani spacciatori

Operazione dei carabinieri di Sacile: arrestate anche due sorelle di 18 e 25 anni. Tra i clienti identificati e segnalati alla Prefettura anche decine di trevigiani

SACILE Ci sono decine di trevigiani tra i clienti di una banda di spacciatori specializzata nello smercio di cocaina, eroina e marijuana che è stata sgominata dai carabinieri di Sacile. Le indagini, coordinate dal comandante dell'Arma Michele Grigoletto, hanno portato all'arresto, su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Pordenone, un gruppo di giovani sacilesi: Alex Scarpat, 29enne (già in carcere perchè membro di una banda dedita ai furti), Haruni Kujtim (da oggi in cella), albanese di 25 anni, Andrea Giuliano, 23 anni, Jessica Oliva, 25 anni, e la sorella Jennifer Oliva, 18 anni (tutti ora sottoposti alla misura del braccialetto elettronico). L'inchiesta, condotta dal pm Carraturo, sono partite a gennaio 2017 quando i militari fermarono un giovane tossicodipendente. La sua testimonianza portò alla luce una rete di spaccio, soprattutto di eroina, attiva a Sacile.

dgdgdgd-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A gestirla il 25enne albanese e la fidanzata Jennifer Oliva (tra gli episodi di spaccio, principalmente di eroina, ci sono cessioni anche a minorenni), Alex Scarpat e la compagna Jessica Oliva. Parte del gruppo anche Andrea Giuliano che si occupava principalmente dello smercio della marijuana (contestate varie cessioni a minori, anche di cocaina). Lo spaccio avveniva principalmente nella zona di Sacile: nei pressi della "Cupola", la chiesa di San Liberale, alla stazione dei treni, alle fermate del bus e nei garage delle abitazioni degli arrestati. Per 20 euro, un prezzo decisamente "amico", i clienti potevano ottenere mezzo grammo di eroina. Sequestrati nel corso delle indagini varie droghe tra cui md, hashish e subuxone (farmaco utilizzato dai tossicodipendenti come sostituto del metadone). Nei mesi scorsi, nel corso dell'indagine, vennero arrestati altri tre giovani che avevano il ruolo di "corrieri" della banda. Tra questi anche Giada Cimolai, 25enne di Fontanafredda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Lutto per lo scoutismo trevigiano: malore improvviso stronca Mario Favaretto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento