A San Fior le mascherine saranno consegnate a domicilio. Il sindaco: «State a casa»

Maset: «Per combattere i trasgressori delle norme abbiamo attivato da tempo i pattugliamenti della polizia locale. In settimana, invece, arriveranno a casa le mascherine»

L'auto della polizia locale in un momento di servizio

«State a casa». E' questo l’appello che si continua a sentire in tutte le strade di San Fior. La Polizia Locale, assieme alla protezione civile, ha montato gli altoparlanti nell’auto di servizio per annunciare alla popolazione le recenti normative di carattere nazionale e regionale. Per il primo cittadino Giuseppe Maset, essendo San Fior uno dei comuni con più contagi e decessi, è indispensabile rimanere in casa. Fino ad ora molti hanno rispettato i decreti ma altri continuano a trasgredirli come le persone che abbiamo già individuato e segnalato opportunamente grazie ai controlli messi in atto.

«Ringrazio quanti sono rimasti a casa in questi giorni, ora ci aspettano altre due settimane di blocco e vi chiedo - comunica il sindaco - di rimanere in abitazione e di rispettare le misure di sicurezza al supermercato o in farmacia. Per combattere i trasgressori delle norme, abbiamo attivato da tempo i pattugliamenti della polizia locale che ringrazio enormemente. Pattugliamenti che proseguiranno anche nei prossimi giorni. Per gli anziani, per chi ha difficoltà di recuperare spesa e farmici, attraverso la Protezione Civile abbiamo avviato la consegna a domicilio. Per ulteriori informazioni basta consultare il sito del comune, contattare la Polizia Locale, controllare il servizio informativo SMS oppure l’ultimo nato, il servizio News su WhatsApp. Per attivarlo basta scrivere SAN FIOR ON, attraverso WhatsApp, al numero 3488501444. Per informare ancora di più la cittadinanza abbiamo anche creato la pagina Facebook ufficiale del Comune di San Fior. Desideriamo con tutti questi mezzi raggiungere tutta la popolazione e dare a tutti le risposte che cercano».

«Per quanto riguarda le mascherine regionali - afferma il sindaco che ha postato sui canali istituzionali un nuovo videomessaggio - le prime sono arrivate oggi in Comune. Entro una settimana le Protezione Civile di San Fior le consegnerà ad ogni nucleo famigliare. Maggior attenzione sarà data alle fasce più deboli della popolazione. La distribuzione partirà martedì e si concluderà verosimilmente entro il fine settimana. Per ricevere il dispositivo di protezione individuale servirà quindi rimanere in casa - chiude il sindaco - Entro al massimo 7 giorni lo riceverete!».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento