Assalto alla villa, residente chiama la polizia e fa arrestare il ladro

E' fallito il colpo tentato, nella notte tra venerdì e sabato, a San Fior in via Barozzi, da un giardiniere romeno di 37 anni. Denunciati tre complici, tutti senza precedenti, che erano riusciti a fuggire prima dell'intervento degli agenti del Commissariato

Il materiale sequestrato dagli agenti del Commissariato

E' fallito, grazie all'intervento della polizia, mobilitata dalla segnalazione di un cittadino, il furto che una banda di "topi d'appartamento" voleva mettere a segno, nella notte tra venerdì e sabato, all'interno di una villa disabitata di San Fior, in via Barozzi. Il proprietario dell'abitazione infatti, un 39enne, notando alcuni movimenti sospetti (tra le 23.30 e la mezzanotte), ha immediatamente lanciato l'allarme e gli agenti del Commissariato di Conegliano, coordinati dal dirigente Vincenzo Zonno, sono riusciti ad intervenire e arrestare quello che è considerato il capo di una piccolo gruppo di ladri che potrebbe aver messo a segno numerosi assalti in sinistra Piave. A finire in manette Nelu Marian Acatrinet, romeno di 37 anni, con numerosi precedenti penali alle spalle e di professione giardiniere. Denunciati anche i tre complici dell'uomo, un 38enne, un 19enne ed un 27enne, tutti senza nessun precedente penale alle spalle e residenti a Godega di Sant'Urbano, poco distante dal luogo in cui è stato tentato il furto di venerdì notte. Il terzetto (tutti svolgevano piccoli lavori come imbianchino o bracciante agricolo) sono fuggiti a piedi poco prima dell'arrivo delle volanti del Commissariato di Conegliano: sono stati bloccati e identificati alcune ore dopo, quando sono tornati a recuperare l'auto con cui erano giunti in zona, una Ford Galaxy intestata a uno di loro (a bordo anche le chiavi di un altro mezzo che è attualmente ancora ignoto).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla villa i ladri volevano prendere alcuni mobili di valore ma sono stati scoperti e costretti a scappare: a bordo della Ford i poliziotti hanno recuperato vari attrezzi da scasso, guanti e denaro. Gli investigatori sospettano che i ladri abbiano commesso altri furti in zona tra cui quello avvenuto sempre venerdì notte all'interno di un'abitazione poco distante alla villa da cui sono spariti oltre 1200 euro (buona parte dei quali recuperati dalla polizia), denaro contenuto in una cassaforte mobile, un anello, un orologio e altro contante, 700 dollari. Il 39enne, su disposizione del pubblico ministero Davide Romanelli, è stato accompagnato in carcere a Santa Bona, in attesa del processo per direttissima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

auto-8

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento