menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esce dal carcere e trova casa vuota e con i mobili al macero

Un giovane di origini marocchine, una volta scarcerato, è tornato nella sua "casa abusiva", ma non vi trova nulla. Lo sgombero era già iniziato

MOGLIANO VENETO - I mobili finiscono al macero per errore e lui dà di matto di fronte alla Polizia. Questo quanto accaduto nella giornata di sabato nei pressi dell'area ex-Ipsa di Mogliano Veneto, quando un giovane di origini marocchine appena uscito dal carcere è tornato nella propria abitazione senza trovare al suo interno nulla di quanto ci aveva lasciato.

Si è trattato di un malinteso a quanto pare, dettato dal fatto che la zona delle casette occupate a Zerman lunedì scorso era stata già posta sotto controlli nel gennaio scorso, in vista di uno sgombero dei residenti abusivi per la riqualifica dell'area. All'epoca però il giovane aveva opposto resistenza ed era salito agli onor di cronaca. Varie furono le proposte per spostare le famiglie, ma non tutte accettarono i compromessi dell'amministrazione comunale.

Come riporta "la Tribuna", il tentativo di liberare l'abitazione del ragazzo però, si scontrò con la decisione del Tribunale di concedergli gli arresti domiciliari proprio all'interno dell'immobile pronto allo sgombero. In questi giorni invece, in assenza del "presunto" proprietario, le forze dell'ordine hanno deciso di liberare coattamente lo stabile mandando al macero le suppellettili presenti all'interno degli appartamenti abusivi. Al giovane non è quindi rimasto altro che tornare in carcere a scontare il prosieguo della pena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento