Scheletro riaffiora a 2700 metri sul Monte Cristallo: è un soldato della Grande Guerra

A trovarlo, domenica intorno alle ore 14, i militari della Sezione Sci Alpinistica in località Costabella di Cortina

Incredibile ritrovamento quello effettuato nel pomeriggio di domenica, verso le ore 14, dai militari della Sezione Sci Alpinistica dell'Esercito. In località Costabella di Cortina d'Ampezzo, infatti, a circa 2.700 metri, è stato trovato uno scheletro risalente verosimilmente ad un caduto della Prima Guerra Mondiale. Diverse infatti le ossa umane riaffiorate dal terreno, ossia: 1 cranio, 1 mandibola, entrambi i femori, 5 vertebre, 12 costole ed il bacino, oltre ad alcuni pezzi di stoffa. Al momento i reperti "storici" sono a disposizione dei militari in attesa di individuare un'apposita struttura idonea per i successivi dovuti accertamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento