rotate-mobile
Giovedì, 25 Aprile 2024
Cronaca

Schianti mortali a Roncade e Treviso, la Procura dispone l'accertamento sulle dinamiche

Le vittime dei due sinistri, avvenuti nella giornata del 24 marzo, sono Andrea Marcuccio, 46enne residente a di Rovarè di San Biagio di Callalta e Muhammad Saleem, un pakistano 25enne richiedente asilo. Il pubblico ministero Giulio Caprarola ha inoltre deciso che tutti i mezzi coinvolti nei sinistri vengano sequestrati

La Procura di Treviso ha disposto due accertamenti tecnici per capire le dinamiche degli incidenti che giovedì 24 marzo sono costati la vita ad Andrea Marcuccio e Muhammad Saleem. Il pubblico ministero Giulio Caprarola ha inoltre deciso che tutti i mezzi coinvolti nei sinistri vengano sequestrati.

Marcuccio, 46 anni, residente a di Rovarè di San Biagio di Callalta, era morto all'alba di ieri lungo la Treviso-mare a Roncade, all'altezza del ristorante "Perchè?".  La vittima viaggiava in sella ad uno scooter in direzione di Treviso e stava raggiungendo il posto di lavoro, al mobilificio Milani di via Giorgione a Roncade, dove era occupato come magazziniere e addetto alla produzione, quando è stato travolto da un'auto, una Renault guidata da S.S., un 25enne della zona, che viaggiava nell'opposta direzione di marcia. Sembra che lo scooterista stesse uscendo dal distributore Vega, senza rendersi conto del veicolo che stava sopraggiungendo ad alta velocità, verso Roncade. Sull'asfalto era  presente un lunghissimo segno di frenata.

Muhammad Saleem,  un 25enne di origini pakistane richiedente asilo ospite della caserma "Serena" di Dosson, è deceduto invece lungo il Terraglio. Il pakistano era a bordo del monopattino elettrico ed  è andato a scontrarsi, per cause in corso di accertamento, con un autocarro guidato da un 55enne di Casale sul Sile. Nei confronti di entrambi i conducenti delle auto coinvolte - il 25enne e l'uomo che guidava il mezzo pesante - la Procura ha aperto una indagine per omicidio stradale.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schianti mortali a Roncade e Treviso, la Procura dispone l'accertamento sulle dinamiche

TrevisoToday è in caricamento