menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mario Paparella

Mario Paparella

Ore di apprensione a Farra di Soligo: da sabato non si hanno più notizie di un 35enne

Un ex studente dell'I.P.S.I.A. Vittorio Veneto si era recato al Piave in bicicletta per un momento di relax senza però più rincasare

Sono ore di apprensione a Farra di Soligo per la scomparsa di un 35enne ex studente dell'I.P.S.I.A. Vittorio Veneto, che verso le 11.30 di sabato è uscito dalla sua abitazione per recarsi al Piave per un momento di relax. Partito in sella alla sua mountain-bike "Bottecchia" di colore azzurro, con in spalla uno zaino con occhiali da sole e asciugamano, M.P. si è poi teoricamente recato a Falzè di Piave. 

Con pochissimo denaro al seguito, ed un cellulare che risulta irraggiungibile ormai da sabato pomeriggio, il ragazzo è scomparso nel nulla senza lasciare alcuna traccia di sé. Proprio per questo motivo, nelle scorse ore la madre si è presentata ai carabinieri di Col San Martino per denunciare la scomparsa, tanto che i militari si sono subito messi alla ricerca dell'uomo.

L'appello della famiglia è poi corso sui social dove la nipote ha pubblicato questo post: «Chiedo la vostra attenzione per mio zio partito sabato mattina in bici per andare al Piave e mai più rientrato. So che non aveva con sé denaro. È di Farra di Soligo». Il fatto ha subito attirato le attenzioni dei residenti del paese, nonché di quelli di Sernaglia della Battaglia, che hanno immediatamente condiviso la notizia tra i vari portali. Infine, anche il sindaco Mattia Perencin si è da subito messo a disposizioni per cercare di aiutare nelle ricerche: «Voglio lanciare un appello: chiunque abbia visto M. nelle ultime ore, o abbia notizia di dove possa essere, è pregato di contattare la famiglia, il Comune o le forze dell'ordine. Sono costantemente in contatto coi carabinieri, ma purtroppo non ci sono ancora notizie e quindi la speranza è che si faccia vivo quanto prima. Nel frattempo, noi siamo qui pronti ad intervenire con tutto ciò che in questi casi è richiesto».

Fortunatamente, però, martedì mattina il 35enne si è presentato spontaneamente ai carabinieri per ritirare la denuncia, scusandosi per l'accaduto e dichiarando di non aver comunicato nulla alla famiglia in quanto al Piave aveva incontrato una ragazza con la quale, si presume, abbia passato i due giorni successivi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Incendio nell'ex pizzeria abbandonata, morto un clochard

  • Incidenti stradali

    Travolto da un'auto, gravissimo un 38enne

  • Cronaca

    Covid, vaccini a domicilio per gli anziani: «E' una truffa»

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Si finge fruttivendolo, deruba un 61enne e fugge

  • Attualità

    Giornata della memoria: le iniziative a Treviso e provincia

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento