Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

Il 36enne Milos Janjic, venerdì pomeriggio, ha lasciato via dei Mille a Villorba senza farvi più ritorno. Sul caso indagano ora le forze dell'ordine, ma le ricerche corrono anche sui social

Il 36enne Milos Janjic

«Non venitemi a cercare». Con queste poche parole, scritte su un semplice biglietto lasciato ai genitori, il 36enne Milos Janjic (di origine serba ma con cittadinanza italiana) ha avvisato la sua famiglia dell'intenzione di lasciare casa e, forse, di non farvi più ritorno. E così è stato. Da venerdì pomeriggio, infatti, non si hanno più sue notizie. Dopo aver lasciato la propria abitazione in via dei Mille a Villorba, a pochi passi da piazza Aldo Moro, il 36enne sarebbe poi stato visto verso le ore 20 a Treviso, in zona Porta Piave. Al momento della scomparsa Milos aveva con sé pochi soldi ed indossava una t-shirt rossa, un cappellino nero ed uno zainetto nero, mentre il telefonino è rimasto nella sua camera. Del fatto sono state in ogni caso allertate le forze dell'ordine che ora indagano sull'accaduto. «Chi lo vedesse è pregato di avvisare i carabinieri o la polizia locale di Villorba, ma si può anche contattare cellulare: 339-8456669» fanno sapere dalla famiglia. In ogni caso, insieme alle ricerche ufficiali anche i social si sono immediatamente mobilitati nel tentativo di trovare qualcuno che possa aver visto l'uomo nelle ultime ore e nella speranza che non abbia deciso di commettere qualche gesto estremo.

100780677_2972198862868858_6586619647368364032_n-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

Torna su
TrevisoToday è in caricamento