rotate-mobile
Cronaca

Va in crociera con l’amante, la moglie lo pizzica grazie a Facebook

Un commerciante trevigiano aveva detto alla consorte che sarebbe stato in viaggio per lavoro. Ma alcuni scatti pubblicati sul social network gli sono costati il divorzio

Mentre i governi chiedono a Facebook l’accesso ai profili “sospetti”, il social network è diventato ormai protagonista nelle aule di tribunale, soprattutto nelle cause di divorzio, nelle quali i coniugi traditi sbandierano sempre più spesso foto e post compromettenti trovati in rete.

È il caso di un commerciante trevigiano, al quale alcuni scatti finiti su Facebook sono costati il divorzio dalla moglie. La vicenda è riportata dalla Tribuna di Treviso.

L’uomo, 55 anni, aveva raccontato alla consorte che avrebbe dovuto affrontare un viaggio di lavoro. Niente di sospetto per lei: non era la prima volta. In realtà il commerciante aveva in programma una breve crociera con l’amante: un romantico viaggetto tra le isole della Grecia e della ex Jugoslavia.

Tutto sarebbe filato liscio e lui avrebbe potuto continuare a tenere il piede in due staffe se il marito fedifrago non avesse ceduto alla tentazione di farsi immortalare insieme all’amante. E farsi fotografare, si sa, di questi tempi può essere pericoloso perché il passo dalla fotocamera a Facebook è breve.

E proprio sul social network, sul profilo di un amico comune, la moglie ha scoperto che il viaggio d’affari del marito, in realtà, era una fuga romantica. Inevitabile la reazione della donna, che ha chiesto seduta stante la separazione. E a rincarare la dose, in tribunale, quegli scatti pubblicati su Facebook che hanno contribuito a dare ragione alla moglie.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va in crociera con l’amante, la moglie lo pizzica grazie a Facebook

TrevisoToday è in caricamento