Scontro a colpi di spray sui muri dell'ex caserma Salsa: Vendraminetto a processo

L'attivista del Collettivo Ztl Wake Up accusato di diffamazione a mezzo internet da Alessandro Arboit, ex segretario provinciale di Forza Nuova che vuole 10 mila euro di risarcimento

TREVISO “Non temete, il vostro 0,7% non fa paura a nessuno”. E' solo una delle frasi postate su Facebbok che hanno portato a processo per diffamazione a mezzo internet Nicola Vendraminetto, 33enne sandonatese di nascita ma residente a Treviso nonché uno degli attivisti di spicco del Collettivo Ztl Wake Up. A trascinarlo di fronte al giudice, chiedendo un risarcimento di 10 mila euro, è stato Alessandro Arboit, ex segretario provinciale di Forza Nuova, destinatario assieme a Luca Dotto e Giuseppe Zito dei commenti postati online, secondo la Procura di Treviso, proprio da Nicola Vendraminetto, difeso in aula dall'avvocato Giuseppe Romano.

I fatti risalgono al 26 novembre 2013, pochi giorni dopo l'occupazione da parte del collettivo Ztl della Caserma Salsa. Tutto nasce da un raid notturno a opera di ignoti che, con vernice bianca, aveva coperto il murales colorato realizzato all'esterno della caserma. La scritta “Caserma Salsa Bene Comune” era stata tramutata in “Scuola Salsa e Merengue”, con l'aggiunta anche di una svastica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giornali locali avevano riportato la notizia di quel raid e, secondo l'accusa, Vendraminetto avrebbe commentato online la notizia scrivendo “...sono quelli di Forza Nuova, sempre i soliti che si muovono di notte come i topi, spacciano mefedrone, si candidano alle elezioni e beccano lo 0,7%. Evidentemente a qualcuno il vento del cambiamento provoca il torcicollo”. Nel suo profilo Facebook avrebbe poi rincarato la dose: “...questa è opera dei cani da guardia di Luca Dotto, Alessandro Arboit e Giuseppe Zito”. Frasi ritenute diffamatorie dai diretti interessati che una volta venuti a conoscenza di quanto attribuito a loro hanno deciso di querelare Vendraminetto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento