rotate-mobile
Cronaca

Scritte contro il sindaco Manildo e il Prefetto di Treviso

Sono comparse lunedì mattina sul marciapiede del municipio e di fronte all'abitazione del primo cittadino di Treviso. Si cercano i responsabili

TREVISO Il sindaco di Treviso preso di mira. Lunedì mattina sono comparse alcune scritte davanti all’abitazione di Giovanni Manildo e sul marciapiede del Comune. Parole che invitano a rassegnare le dimissioni, come anche quelle rivolte al Prefetto Maria Augusta Marrosu, anche lei finita del mirino di alcuni per il momento rimasti ignoti. "La libertà di pensiero e parola sono sacrosante. Non mi disturba il contenuto delle frasi, ognuno la pensa come vuole – ha commentato Manildo -. Ma condanno fortemente le modalità: soprattutto se oltre all’abitazione privata si oltraggia la casa di tutti i cittadini".

”L'abitazione privata è quanto di più intimo esista. Permettersi di violarla è un atto gravissimo. Ma ciò che è ancora più grave è che abbiamo speso soldi pubblici per ripulire le scritte dal marciapiede di Ca’ Sugana oltre che dal Calmaggiore e dall’ex acquedotto in via Lanceri di Novara – incalza il sindaco -. Preferivamo destinare quei soldi a una famiglia in difficoltà. E' già pronta la denuncia contro ignoti al fine di recuperare i soldi della collettività”. Lunedì mattina mattina un operaio incaricato dal Comune per tre ore ha dovuto procedere alla rimozione delle scritte apparse su suolo pubblico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scritte contro il sindaco Manildo e il Prefetto di Treviso

TrevisoToday è in caricamento