rotate-mobile
Cronaca Conegliano / Via Cadore

Scritte no vax contro la Cisl di Conegliano: «Quanti morti volete ancora?»

Raid nella notte tra lunedì 18 e martedì 19 ottobre sulla porta della sede di via Cadore: Massimiliano Paglini, segretario provinciale, replica a stretto giro: «Sì alla campagna vaccinale, no alle intimidazioni»

Un ritaglio di giornale con l'inchiesta sulla donna di Maser morta 11 giorni dopo la vaccinazione e la domanda, scritta a penna: “Quanti morti volete ancora?” a sottintendere una connessione tra la vaccinazione e il decesso.

È il cartello comparso nella notte tra lunedì 18 e martedì 19 settembre sulle porte di ingresso della sede della Cisl di Conegliano e di quella del Caf e della Fnp della città del Cima. I no vax hanno preso di mira il sindacato guidato sul territorio da Massimiliano Paglini, che commenta: «La Cisl è da tempo nel mirino degli antivaccinisti e dei no Green Pass per le posizioni su vaccini anti-Covid e certificazione verde. Ci tengo a ribadire senza se e senza ma e senza farci intimidire da ignoti che agiscono nottetempo: noi siamo con la stragrande maggioranza degli italiani che ha scelto di vaccinarsi per uscire dalla pandemia e tornare alla normalità. Proseguire speditamente con la campagna vaccinale è l’unica strada per metterci alle spalle le restrizioni e alimentare la ripresa economica. E in questo devo dire che i cittadini, così come i lavoratori della provincia di Treviso, hanno dimostrato grande senso di responsabilità. I facinorosi e diffusori di fake news - prosegue Paglini - che accostano strumentalmente il decesso di Nadia Positello alla somministrazione del vaccino non ci fanno paura: ricordo loro che l’autopsia sul corpo della donna, deceduta per una embolia polmonare, ha escluso la correlazione con il vaccino. Ricordo infine che solo in Italia il Covid ha causato 132mila morti, quindi la domanda “Quanti morti volete ancora?” sarebbe da rivolgere a chi si oppone al vaccino, che si sta ampiamente dimostrando come efficace per il contenimento della pandemia. Per il resto - conclude il segretario generale della Cisl Belluno Treviso - invito tutti ad abbassare i toni, ad evitare inutili contrapposizioni e polarizzazioni estreme, ricordando che affrontare una pandemia significa compiere responsabilmente scelte di salute pubblica e sicurezza sanitaria che riguardano l’intera popolazione».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scritte no vax contro la Cisl di Conegliano: «Quanti morti volete ancora?»

TrevisoToday è in caricamento