Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Scuola: dal 22 al 29 marzo, Treviso apre le porte al mondo grazie all’Associazione Intercultura

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

23 marzo h.14.30: incontro con il Presidente del Consiglio Comunale

SCUOLA: DAL 22 AL 29 MARZO, TREVISO APRE LE PORTE AL MONDO

GRAZIE ALL'ASSOCIAZIONE INTERCULTURA

7 adolescenti provenienti da altrettanti Paesi del mondo diventano insegnanti

nelle scuole superiori del territorio

Treviso, 19 marzo 2015 - Dal 22 al 29 marzo una delegazione di 7 studenti stranieri sarà ospite presso le famiglie e le scuole medie e superiori del territorio trevigiano per uno scambio culturale su usi e costumi del mondo, organizzato dai volontari del Centro locale di Intercultura di Treviso.

Sono 7 tra gli 800 studenti provenienti da tutto il mondo, accolti per un anno o sei mesi gratuitamente da una famiglia italiana, che stanno studiando a scuola, imparando non solo la nostra lingua, ma soprattutto la nostra cultura, i nostri usi e i nostri costumi.

Si tratta di:

- Harim, ragazzo cileno, 16 anni, proveniente dal centro locale di Novara (NO);

- Constança, ragazza portoghese, 17 anni, proveniente dal centro locale di Asti (AT);

- Catalina, ragazza cilena, 17 anni, proveniente dal centro locale di Trani (BT);

- Atheta "Mymp", ragazza thailandese, 16 anni, dal centro locale di Reggio Emilia (RE);

- Nathalia, ragazza colombiana, 18 anni, proveniente dal centro locale di Guspini (VS);

- Ivan, ragazzo dominicano, 18 anni, proveniente dal centro locale di Palermo (PA);

- Matteo, ragazzo belga, 18 anni, proveniente dal centro locale di Catania (CT);

Ad accompagnarli saranno degli "chaperones" molto speciali, tre studenti stranieri che da settembre e febbraio stanno vivendo a studiando a Treviso: Javiera, 18 anni, cilena (Ist. "Mazzotti"), Adham, 15 anni, egiziano (Ist. "Fermi") e Sarah, 15 anni, statunitense (Ist. "Duca degli Abruzzi").

Iniziando con un incontro con il Presidente del Consiglio Comunale di Treviso - dott. Franco Rosi - per uno scambio di saluti e di benvenuto con le Istituzioni Locali, gli studenti stranieri di Intercultura incontreranno nelle giornate di lunedi 22 marzo, mercoledi 24 e giovedi 25 marzo loro coetanei ed altri studenti italiani prima all' Istituto Tecnico Turistico "G.Mazzotti" a Treviso, quindi alla Scuola Media "A.Martini" di San Biagio di Callalta ed infine alla Scuola Media "S.Pertini" di Ponte nelle Alpi, spingendosi fino alle Dolomiti. Si confronteranno sui temi relativi all'educazione al cosmopolitismo, ma anche su

tradizione e natura legati al fiume Piave e alla sua storia. Il tema della settimana propone la scoperta di Treviso e del suo territorio fra alto, medio e basso corso del fiume Piave, con i suoi paesaggi, le tradizioni ed i luoghi storici della prima guerra mondiale, nell' anno del Centenario di AFS (American Field Service), da cui ha origine Interultura AFS. Il programma prevede, tra l' altro, visite al Sacrario di Fagarè della Battaglia (TV) e alla mostra su E. Hemingway a Monastier di Treviso in collaborazione con l' ISTRESCO (istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea della Marca Trevigiana) di Treviso; alla città capoluogo delle Dolomiti (in collaborazione con i volontari del Centro Locale di Belluno) e immancabilmente a Venezia, tappa imprescindibile per ogni straniero che si avventuri in Italia, oltre ad una battuta di pesca con la tradizionale "bilancia" alla foce del Piave.

Questo progetto rientra nell'ambito della settimana di scambio promossa dal gruppo di volontari di Treviso dell'Associazione Intercultura, Onlus che dal 1955 è attivamente impegnata all'educazione alla mondialità inviando all'estero ogni anno centinaia di studenti italiani e accogliendone altrettanti in Italia, provenienti da tutti e 5 i continenti. Altre importanti protagoniste di questi "incontri che cambiano il mondo" saranno le famiglie di Treviso che hanno dato la disponibilità a condividere con questi giovani ambasciatori del mondo un po' della propria quotidianità. Saranno loro, grazie alla curiosità di vivere un'esperienza nuova e stimolante, l'elemento principale di arricchimento di questi giorni all'insegna dell'interculturalità, senza il filtro degli stereotipi.

Questa settimana di didattica interculturale darà il via alla nuova campagna di accoglienza anche a Treviso, che già comincia a preparasi ad accogliere due ragazze, rispettivamente da Cina e Hong Kong, ma i volontari locali sono sempre alla ricerca di famiglie che accettino la sfida di accogliere il mondo in casa e imparare dalle diversità culturali anche senza spostarsi da casa.

Per ricevere maggiori informazioni sul programma della Settimana di scambio e sulle attività di Intercultura nel Centro locale di TREVISO è possibile contattare la Responsabile dei programmi di ospitalità Patrizia Capraro all'indirizzo e-mail fam.balanza@gmail.com o al numero di cell 347 7878787 (ore serali), oppure visitare il sito dell'Associazione, all'indirizzo www.intercultura.it

L'Associazione Intercultura Onlus (www.intercultura.it)

L'Associazione Intercultura Onlus (fondata nel 1955) è un ente morale riconosciuto con DPR n. 578/85, posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri. Ha status di ONLUS, Organizzazione non lucrativa di utilità sociale, iscritta al registro delle associazioni di volontariato del Lazio: è infatti gestita e amministrata da migliaia di volontari, che hanno scelto di operare nel settore educativo e scolastico, per sensibilizzarlo alla dimensione internazionale. E' presente in 150 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all'AFS Intercultural Programs e all'EFIL. Ha statuto consultivo all'UNESCO e al Consiglio d'Europa e collabora ad alcuni progetti dell'Unione Europea. Ha rapporti con i nostri Ministeri degli Affari Esteri dell' dell'Istruzione, Università e Ricerca. A Intercultura sono stati assegnati il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio e il Premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il Volontariato per oltre 40 anni di attività in favore della pace e della conoscenza fra i popoli. L'Associazione promuove e organizza scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno oltre 1800 ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all'estero ed accogliendo nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l'incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo. Nel 2015 Intercultura celebra i 100 anni di AFS, l'organizzazione internazionale di cui è rappresentante in Italia. L'American Field Service (oggi AFS Intercultural Programs) fu fondata in Francia durante la Prima Guerra Mondiale per fornire un servizio di trasporto ai feriti e dopo la seconda guerra mondiale si trasformò nella più grande rete mondiale dedicata agli scambi scolastici internazionali.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola: dal 22 al 29 marzo, Treviso apre le porte al mondo grazie all’Associazione Intercultura

TrevisoToday è in caricamento