Una scuola per manager delle cantine sociali trevigiane

Confcooperative Treviso ha avviato una scuola di formazione per amministratori delle cantine sociali. Le lezioni si tengono da dicembre 2013 a marzo 2014

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

In un mercato globale non ci si improvvisa. Servono competenze e conoscenze consolidate, per affrontare il contesto e prevedere gli sviluppi futuri, con capacità di visione e di analisi. Anche nel settore vitivinicolo, dove la concorrenza è sempre più agguerrita. A tal proposito Confcooperative Treviso, la maggiore associazione di rappresentanza delle imprese cooperative provinciali, ha messo a punto un percorso formativo per i consiglieri di amministrazione delle cantine cooperative associate, alla quale hanno aderito 40 persone, per la maggior parte giovani cooperatori. Le lezioni, organizzate con il patrocinio della Camera di Commercio di Treviso ed in collaborazione con Irecoop Veneto, si tengono presso la sede di Confcooperative Treviso, a Palazzo Cristallo a Lancenigo di Villorba, da dicembre 2013 a marzo 2014.

"È la prima esperienza di questo genere, sulla quale stiamo investendo parecchio, - commenta Valerio Cescon, vicepresidente provinciale di Confcooperative Treviso, nonché presidente regionale del settore vitivinicolo di Confcooperative Veneto - nella consapevolezza che anche un settore economico come il nostro, che finora ha goduto di buona salute, deve ragionare sulle condizioni necessarie per consolidare i risultati ottenuti e mantenere i propri vantaggi competitivi, in un'ottica di sostenibilità futura, con un'attenzione speciale ai passaggi generazionali. Per fare questo servono aziende dinamiche, capaci di collaborare fra loro, pure in termini di aggregazione e di condivisione, senza perdere di vista l'obiettivo primario di un'impresa cooperativa: una giusta remunerazione dei soci, stabilizzata nel tempo".

Nella scuola rivolta agli amministratori di cantine sociali, l'Area progetti di Confcooperative Treviso ha inserito tanto le materie tecnico-giuridiche (come diritto societario, bilancio d'esercizio, la gestione aziendale, la funzione del consiglio di amministrazione e dei consiglieri all'interno di una cooperativa), quanto quelle macroeconomiche legate allo studio dei mercati e degli scenari.

LA COOPERAZIONE VITIVINICOLA TREVIGIANA IN NUMERIAd oggi Confcooperative Treviso, con una quindicina di cantine associate, rappresenta oltre il 50% dell'intera produzione vitivinicola provinciale; le cantine sociali certificano metà del Prosecco DocNel 2012 i soci di cantine cooperative trevigiane hanno conferito 1,72 milioni di quintali di uve, su una superficie di 10.869 ettari (a livello regionale le cooperative vitivinicole venete producono oltre 5 milioni di uve, su una superficie di 32.965 ettari), per un valore complessivo della produzione a livello provinciale di oltre 250 milioni di euro.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento