Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Verso la ripresa, accordo Friuladria-Cofidi: "Finanziamenti in 10 giorni"

Cofidi Veneziano e l'istituto di credito creano "Semplice e rapido", un progetto che consente di erogare fino a 50mila euro in tempi brevissimi

Da sinistra il direttore di Cofidi Veneziano, Mauro Vignandel, il presidente di Cofidi Veneziano Sandro Ravenna e il direttore territoriale di Friuladria Dario Negri

JESOLO Produzione oltre le attese e fatturato in crescita, il Veneto orientale comincia a intravedere la ripresa. Le aziende, secondo gli esperti, potranno toccarla con mano in tempi brevi, ma per farlo hanno bisogno di nuovi strumenti. È da qui che nasce un accorto tra Cofidi Veneziano e Banca Friuladria che con il nome di “Semplice e rapido”, presentato martedì mattina a Jesolo, che punta ad assicurare finanziamenti alle imprese in dieci giorni.

Si tratta di un nuovo plafond (la cifra iniziale è di 15 milioni di euro) con il quale l’istituto di credito si impegna a dare una risposta – affidando la raccolta documentale a Cofidi – in tempi brevissimi alleggerendo il carico di lavoro per la gestione della pratica all’azienda stessa. “Si tratta del primo accordo di questo tipo in Italia – spiega Sandro Ravenna,presidente di Cofidi Veneziano -. È la prima volta che una banca convalida il processo cheun confidi svolge su un’impresa”. Il finanziamento avrà un importo massimo pari a 50mila euro con una durata minima di 24 mesi e massima di 60 mesi, e prevede l’innalzamento della garanzia di Cofidi Veneziano al 60%. “Friuladria ha voluto rafforzare ulteriormente con questo accordo il servizio a favore delle imprese associate per finanziamenti finalizzati a sostenere progetti e attività aziendali”, precisa Dario Negri, direttore territoriale di Friuladria.

Il progetto mira a fornire tutto l’aiuto necessario alle imprese per tornare a essere competitive. Solo nel Veneto orientale i dati parlano chiaro. Nel primo trimestre del 2015 la produzione è cresciuta dell’1,7 per cento oltre le attese su base annua. Recuperano fatturato e ordinativi nel mercato interno (+1,3%), mentre c’è una crescita record nelle microimprese (+3,6% di produzione), sospinta dal fatturato estero (+4%). Per i settori le dinamiche migliori si hanno nei comparti dei metalli e prodotti in metallo (+3%), legno e mobile (+2,7%), macchine ed apparecchi meccanici (+2,6%). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso la ripresa, accordo Friuladria-Cofidi: "Finanziamenti in 10 giorni"

TrevisoToday è in caricamento