Duplice omicidio di Rolle: Sergio Papa rimane in carcere

La sentenza del tribunale del riesame ha confermato, nelle scorse ore, la custodia cautelare per il trentacinquenne di Refrontolo, unico sospettato nell'efferato delitto di Rolle

CISON DI VALMARINO Il tribunale del riesame ha rigettato, nelle scorse ore, la richiesta di modifica della misura di custodia cautelare presentata dall'avvocato di Sergio Papa, ad oggi il principale indiziato nel duplice omicidio di Rolle, avvenuto lo scorso 1 marzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sospettato rimane quindi rinchiuso nel carcere di Santa Bona, a Treviso, nonostante il suo legale continui a sostenere fermamente l'innocenza del presunto omicida. Il trentacinquenne sarebbe stato visto nella zona di Rolle il giorno prima del delitto, una testimonianza a cui va aggiunto il rogo che Papa avrebbe provocato per dare fuoco all'automobile utilizzata per raggiungere e allontanarsi dalla scena del crimine. Tutti indizi che, nelle scorse ore, avrebbero portato il tribunale del riesame a confermare la carcerazione del trentacinquenne. I punti da chiarire in sede giudiziaria rimangono comunque molti. Alessandra Nava, avvocato difensore di Papa è convinta che il suo assistito saprà difendersi dalle accuse in aula, d'altro canto gli investigatori si sono sempre dimostrati sicuri sulle decisioni che li hanno portati al fermo di Papa. Una vicenda a cui il Riesame ha aggiunto un nuovo tassello ma che, ad oggi, sembra ancora lontana da una conclusione definitiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento