Cronaca

A Sernaglia della Battaglia si apre il ciclo di incontri "Agricolture di frontiera"

Gli incontri iniziano martedì 2 maggio alle 20.30 nella sala comunale di piazza Martiri della Libertà con la serata inaugurale che presenterà il libro “Quasi niente” di Mauro Corona e Luigi Maieron

SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA L'Amministrazione comunale di Sernaglia della Battaglia, in collaborazione con Pro Loco di Sernaglia, associazione G.A.I.A., Legambiente Sernaglia, Libreria La Pieve e il contributo di Bim Piave, organizza la prima edizione di “Agricolture di frontiera”. Di cosa si tratta? L'idea di creare una rassegna di eventi, conferenze e mostre sul tema dell’agricoltura nasce da una riflessione sulla terra. L'amministrazione comunale pensa alla terra come madre che dà la vita, suolo fertile naturalmente e perpetuamente. Un universo perfetto, che si regge insieme agli elementi dell’aria e dell’acqua e in grado di procreare autonomamente nuova vita e nuova biodiversità. È stata proprio la terra, quindi, a ispirare il ciclo di incontri “Agricolture di frontiera”, che vuole proporsi come momento di riflessione e riscoperta delle micro agricolture, delle personali testimonianze e delle resistenze di sapienza agricola. E parliamo di Agricolture, al plurale, perché sono tante e piccole esperienze di sostenibilità che hanno in comune la consapevolezza e l’umiltà di essere strumento della natura nelle mani dell’uomo e perciò hanno una grossa responsabilità nei confronti della terra e di tutti gli organismi viventi. E poi “di frontiera” perché l’idea è quella della mescolanza di culture e saperi: la frontiera non esiste in natura se non per il significato che l’uomo le dà come linea di confine tra due nazioni. E così anche le agricolture che questa prima edizione proporrà sono una combinazione di saperi antichi riscoperti dai bisogni contemporanei, non l’agricoltura dei profitti e dei grandi latifondi bensì quelle degli orti scolastici, del mercato a km zero, del biologico e delle sementi antiche.

Gli incontri iniziano martedì 2 maggio alle 20.30 nella sala comunale di Sernaglia in piazza Martiri della Libertà con la serata inaugurale che presenterà il libro “Quasi niente” di Mauro Corona e Luigi Maieron. Parteciperà il coautore e cantautore Luigi Maieron. Si prosegue giovedì 4 maggio sempre alle 20.30 in sala comunale con la conferenza sul tema “La bachicoltura ieri e oggi” con Danilo Gasparini, docente di storia dell'agricoltura all'Università di Padova e Fernando Pellizzari, presidente dell'associazione italiana Bachicoltori, che affronteranno il tema delle prospettive sulla rinascita della filiera della seta in Italia.

Mercoledì 17 maggio, stessa ora e stessa sede, verrà proiettata la versione italiana del film “Cresceranno le siepi. Storie di contadini che amano la terra” di Dimitri Feltrin (Italia 2016, 72 minuti). Seguiranno riflessioni sul tema “Le siepi in agricoltura” con la partecipazione del regista Dimitri Feltrin.

Domenica 21 maggio si cambia location: gli organizzatori attendono tutti, dalle 9.30 e per tutto il giorno, nella nuova area attrezzata Musil in via Busche per la tradizionale Festa degli Aquiloni organizzata da Legambiente Sernaglia con laboratori creativi per bambini, passeggiate a cavallo e visite guidate ai Palù. Ci sarà anche la mostra mercato di prodotti agricoli a cura di associazioni e aziende agricole biologiche e locali.

Mercoledì 24 maggio si torna in sala comunale, dove alle 20.30 si terrà la conferenza sul tema “La canapa industriale e i suoi utilizzi” con due relatori. Manuela Pierobon, dottoressa in scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio, parlerà dell'esperienza di coltivatrice e promotrice della canapa sul territorio, dalla tradizione fino alle potenzialità ambientali. Paolo Masiero, coach in bioedilizia e docente di tecnica del restauro nonché membro di ItalCanapa parlerà delle opportunità della canapa in edilizia e per lo sviluppo locale.

Parallelamente alle conferenze e alla festa in area Musil, “Agricolture di frontiera” propone anche corsi dedicati a tutte quelle persone che scelgono controcorrente, che rallentano e si godono il paesaggio, che confidano nell’autoproduzione e che non credono all'equazione “più consumo uguale più benessere”. Il primo appuntamento sarà sabato 6 maggio alle 14.30 nella sede della Pro Loco di Sernaglia in viale Divisione Julia con il corso sulla conservazione delle verdure in aceto, olio e agrodolce, che permetterà di conoscere o approfondire il tema della conservazione degli ortaggi nella stagione invernale, anche ricorrendo ai metodi utilizzati dalle nostre nonne quando non c'erano i congelatori. Secondo appuntamento sabato 20 maggio alla stessa ora e nella stessa sede con un pomeriggio sul sapone naturale fatto in casa. Saranno illustrati trucchi e consigli per fare sapone all'olio di oliva con pigmenti naturali e olii essenziali. Terzo e ultimo incontro sabato 27 maggio, sempre alle 14.30 nella sede della Pro Loco, con un corso sulle marmellate “della nonna”, tra cucina della tradizione e accorgimenti pratici.

Il corso “Sapone naturale fatto in casa” sarà tenuto da Giulia e Nicola dell’Associazione G.A.I.A. di Sernaglia che porteranno la loro esperienza personale di autoproduzione di sapone per mani e corpo (costo di partecipazione 10 euro). I corsi “Marmellate della nonna” e “Conservazione delle verdure in aceto, olio e agrodolce” saranno tenuti dalle cuoche volontarie della Pro loco di Sernaglia che condivideranno i migliori consigli sulla cucina tradizionale veneta. Il costo di partecipazione per ciascuno dei due corsi di cucina è di 25 euro. La partecipazione massima per ciascun corso è di dieci persone residenti a Sernaglia della Battaglia. Solo se non si raggiungerà il numero massimo la partecipazione sarà allargata a residenti in altri Comuni. I corsi saranno della durata di tre ore e dopo una breve dimostrazione teorica e pratica ogni partecipante realizzerà le ricette proposte e potrà confezionare e portare a casa ciò che ha preparato. Le iscrizioni sono aperte fino a tre giorni prima del corso. Per dettagli e iscrizioni si possono chiamare i numeri 345-2627800 o 0438-965304 (Ufficio ambiente del Comune di Sernaglia).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Sernaglia della Battaglia si apre il ciclo di incontri "Agricolture di frontiera"

TrevisoToday è in caricamento