Lampeggiante rubato alle guardie zoofile, i ladri lo restituiscono

Il furto era avvenuto nella notte tra sabato e domenica ai danni dell'associazione "Volontari d'Europa": il mezzo viene utilizzato per il recupero di animali domestici. Una telefonata di un giovane ha annunciato la restituzione

Uno dei mezzi dell'associazione

Nella notte tra sabato e domenica ignoti avevano rubato il lampeggiante di un mezzo usato dalle Guardie Zoofile dell’Associazione “Volontari d’Europa” di Sernaglia della Battaglia. Dopo la diffusione della notizia sui social, il tam tam tra i cittadini, l'autore di questo stupido gesto si è redento. Lunedì sera alle ore 18.30, è stato restituito il maltolto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Con una telefonata anonima, proveniente da una utenza sconosciuta -recita un comunicato emesso ieri, martedì, dall'associazione- una voce giovanile ha riferito di aver letto la richiesta pubblicata nei social, quindi ha dichiarato di essersi pentita del gesto intrapreso e chiedendo scusa ha restituito il maltolto giustificandola come una bravata. L’articolo pubblicato quindi ha avuto il suo effetto e il giovane è stato perdonato. Il gesto è stato subito apprezzato dal responsabile dei “Volontari d’Europa” che si è complimentato con la voce proveniente dall’altro capo del filo. “Non siamo più intenzionati a procedere legalmente contro l’autore del furto in quanto ha dato prova di maturità e sensibilità, tutti abbiamo fatto qualche errore in gioventù, quindi non vediamo perché non perdonare e accettare il buon gesto”. Durante i corsi le Guardia Zoofila infatti vengono indirizzate a promuovere maggiormente l’attività di prevenzione e formazione anziché la repressione, di conseguenza al buonsenso che è il “sale della vita”. Anche se i fatti della vita ci mettono in difficoltà tante volte il buon senso è la soluzione migliore e destabilizza l’avversario. Questo avvenimento si chiude con un esito molto positivo, siamo convinti che questo giovane farà molte cose positive nella vita perché capire e ammettere i propri errori è segno di maturità e rispetto verso il prossimo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento