rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024

Sfratto in viale Francia, Ater Treviso: «Inevitabile dopo due anni di morosità»

Il presidente Mauro Dal Zilio e la vicepresidente Marina Bonotto commentano a caldo la notizia dell'appartamento sgomberato venerdì mattina. «Intervento esemplare delle forze dell'ordine nonostante gli insulti e le offese dei manifestanti»

«Dal 2022 gli inquilini dell'appartamento sgomberato questa mattina in viale Francia a Treviso, non erano in regola». A dirlo è Mauro Dal Zilio, presidente di Ater Treviso intervenuto, venerdì 12 aprile, sullo sfratto che ha portato l'associazione Caminantes a rispondere con delle vere e proprie barricate fuori dal municipio.

«Oggi si è chiuso un percorso difficile - continua Dal Zilio - era due anni che cercavamo di recuperare l'immobile di viale Francia. La morosità da parte degli inquilini era diventata troppo grande. Come Ater Treviso avevamo il dovere di andare avanti per tutte quelle persone che, invece, stanno aspettando regolarmente un alloggio popolare a Treviso e dintorni. Il nostro grazie oggi va alla Questura e alle forze dell'ordine intervenute in viale Francia. Hanno operato in maniera esemplare nonostante gli insulti e le offese dei manifestanti intervenuti solo per strumentalizzare questa vicenda». «I tecnici di Ater hanno rilevato danni per migliaia di euro all'interno dell'appartamento sgomberato - chiude Marina Bonotto, vicepresidente Ater Treviso -. Per fortuna il nostro personale è sul posto e si è messo subito al lavoro per ripristinare il più possibile i danni e garantire decoro e sicurezza ai residenti del condominio».

Video popolari

Sfratto in viale Francia, Ater Treviso: «Inevitabile dopo due anni di morosità»

TrevisoToday è in caricamento