menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treviso: sfregio al monumento in piazza Pola dedicato ai caduti delle foibe

Il consigliere comunale Acampora dichiara l'intenzione di voler sporgere denuncia contro ignoti per un gesto incivile e irrispettoso. Le forze dell'ordine indagano sulla vicenda

TREVISO Un gesto ignobile e irrespettoso è avvenuto nelle scorse ore in pieno centro a Treviso. Un gruppo di vandali, nella giornata di sabato, ha sfregiato il monumento dedicato alle vittime delle foibe che giace in piazza Pola a Treviso. Gli ignoti malintenzionati hanno marchiato con un pennarello indelebile, la lapide dedicata ai caduti, scrivendo le parole: "Meno Fobie, più Foibe".

Un atto vandalico che il consigliere comunale di Fratelli d'Italia a Palazzo dei Trecento Davide Acampora ha subito condannato con fermezza. "Bisognerebbe insegnare ai teppistelli che hanno sfregiato questa lapide cosa sia non solo il senso civico ma soprattutto il rispetto verso i morti e verso la storia del nostro Paese; nei prossimi giorni sporgerò denuncia formale verso ignoti e spero che possano essere individuati attraverso le telecamere di sorveglianza site nella piazza", ha dichiarato Acampora. "Ogni anno come Fratelli d'Italia, durante il giorno del Ricordo il 10 febbraio, organizziamo sempre una commemorazione proprio dinanzi a quel monumento insieme all'Associazione Esuli Giuliano Dalmati e a diverse associazioni combattentistiche d'arma. Sono molto legato a quel monumento, spero possano essere presto individuati i responsabili di questo vile gesto." In queste ore le forze dell'ordine stanno esaminando i filmati delle telecamere di sorveglianza collocate in piazza Pola per cercare di risalire all'identità degli autori di questo grave atto vandalico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento