Carbonera, costringeva gemelle 19enni a prostituirsi: arrestata

Un ventenna di Carbonera costringeva due sorelle gemelle di 19 anni a prostituirsi sulla Pontebbana. Per questo i Carabinieri hanno fatto irruzione nel suo appartamento e la hanno arrestata

Blitz dei Carabinieri di Treviso in un appartamento di Carbonera, dove E.L., cittadina romena di 20 anni, è stata arrestata per induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Secondo gli inquirenti la giovane costringeva due connazionali, due sorelle gemelle di 19 anni, a vendersi sulla strada Pontebbana. Le due ragazze erano state attirate in Italia a gennaio con la promessa di un lavoro regolare, ma una volta arrivate a Treviso sono messe sulla strada, dove erano controllate a vista dall'indagata che, a sua volta, si prostituiva.

L'arresto è nella notte tra mercoledì e giovedì. Nell'appartamento, oltre all'indagata e alle sue due vittime, c'era anche una tredicenne, figlia di un'albanese che, rientrata temporaneamente in patria, ha lasciato la ragazzina in affidamento alla ventenne. Secondo quanto accertato dai Carabinieri, la minore non sarebbe stata coinvolta nel giro di prostituzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento