menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sile: oasi d’acque e di sapori: il progetto di Marca per Expo 2015

Treviso, Ente Parco Sile, Vedelago, Istrana, Morgano, Quinto di Treviso, Silea, Casier, Casale sul Sile e Roncade sottoscrivono la convenzione.

CASIER - Organizzare l’offerta turistica attorno al fiume Sile per il rilancio delle attività economiche, culturali e sociali. E’ questo l’obiettivo generale del progetto “Sile: oasi d’Acque e di Sapori” oggetto della convenzione firmata giovedì mattina dal Comune di Treviso e l’Ente Parco Sile - in qualità di capofila -  con i comuni di Vedelago, Istrana, Morgano, Quinto di Treviso, Silea, Casier, Casale sul Sile e Roncade.    Il progetto nasce dalla volontà di partecipare al Masterplan Venice to Expo 2015, utilizzando il marchio appositamente progettato, ma fin da subito le amministrazioni coinvolte hanno dimostrato il loro interesse e il loro impegno affinché questa iniziativa possa continuare anche oltre il termine dell’Expo2015. Il fiume Sile costituisce infatti una interessante destinazione turistica: nel 2013 ha totalizzato oltre 500 mila presenze ovvero notti passate nelle strutture alberghiere.  La Convenzione traccia un percorso nuovo, che vede per la prima volta lavorare in sinergia ben 10 Enti pubblici, consapevoli che lo sviluppo turistico va di pari passo con la cura e la valorizzazione delle risorse ambientali e alla partecipazione delle comunità locali. 

IL PROGETTO Il progetto promosso dal Comune di Treviso e dall'Ente Parco Sile vuole contribuire allo sviluppo sostenibile del territorio attraverso una migliore gestione delle attività relative al turismo. “Sile: oasi d’acque e di sapori” si inserisce all’interno del Masterplan di Expo Venezia 2015 che gli consentirà di dare più visibilità e notorietà all’iniziativa grazie anche alla possibilità di utilizzare il logo “Venice to Expo 2015”.  I numeri del progetto parlano di 20 incontri per la programmazione dell’iniziativa da marzo 2014,  4 incontri ufficiali di animazione nel territorio tra cui 1 conferenza con la presenza di rappresentanti del Consiglio d’Europa, Unesco e Regione Veneto, 4 tavoli tematici attivati (Cultura, Enogastronomia, Sport e tempo libero, Ambiente e Natura),  più di 100 operatori coinvolti tra stakeholder e associazioni, tante proposte con valenza turistica in tema di sport, natura, cultura e gastronomia da proporre a turisti individuali, alle famiglie e al turismo scolastico. 

DOPO LA FIRMA DELLA CONVENZIONE Dopo la firma della convenzione si procederà alla pubblicazione di un bando per un concorso di idee per l’ideazione del logo di “Sile: oasi d’acque e di sapori” (aperto a tutti, in modo particolare ai giovani); verrà inoltre composto un calendario di eventi culturali, enogastronomici, sportivi che alimenteranno il Festival del Sile, un progetto lungimirante che mira allo sviluppo a lungo termine dell’area rivierasca al fiume; verrà inoltre attivato un portale web compatibile con gli smartphone per l’informazione e la promozione dell’offerta turistica e culturale, si procederà inoltre all’attivazione e alla gestione di pagine e account nei più importanti social media e infine alla promozione dell’offerta turistica esistente e lo stimolo alla creazione di nuovi prodotti turistici. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento