rotate-mobile
Cronaca Silea

Auto prestigiose in vendita nell'autosalone "fantasma", assoluzione per tutti gli imputati

I fatti sarebbero avvenuti nel 2016 a Silea dove quattro persone avevano aperto un concessionario di macchine di alta gamma. Ma al momento di perfezionare i contratti non si sarebbero più fatti trovare. L'ammontare delle presunte truffe sarebbe stato di diverse decine di migliaia di euro

Erano tutti accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa: nel 2016, a Silea, avrebbero aperto un autosalone fantasma che di fatto vendeva la stessa auto a più clienti. Poi incassate le caparre (ma in alcuni casi l'intera somma) erano spariti nel nulla. Ma l'accusa di associazione a delinquere non ha retto al vaglio del Tribunale di Treviso, che oggi 14 maggio era chiamato a pronunciare la sentenza. E così alcuni capi d'imputazione sono stati dichiarati improcedibili per mancanza delle querele, altri sono andati in prescrizione e per qualcuno è arrivata la sentenza di proscioglimento perché il fatto non sussiste. Si è concluso quindi con quella che nei fatti è una assoluzione il processo a Giovanni Abruzzo, Claudio Agnellini, Mario Zanchetta e Gianfortunato Confalone.

Secondo le indagini svolte dalla Procura i quattro avrebbero attivato un salone che vendeva auto di lusso, tutte vetture di alta gamma e cilindrata importante, compresa anche qualche modello di Ferrari e Maserati. Ma in realtà sarebbe stato appurato che le automobili erano soltanto sei e sarebbero state cedute contemporaneamente ad almeno una 30ina di clienti (molti dei quali cittadini di paesi dell'Est Europa) attraverso degli annunci su portali specializzati presenti sulla rete web. Poi, come spesso succede in questi casi, al momento della consegna, il concessionario sarebbe sparito facendo perdere le proprie tracce e i clienti sarebbero rimasti con il proverbiale cerino acceso in mano. Le truffe, secondo le stime, sarebbero ammontate a svariate decine di migliaia di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto prestigiose in vendita nell'autosalone "fantasma", assoluzione per tutti gli imputati

TrevisoToday è in caricamento