Vita, morte e fantasy. Silvana De Mari e l'oggi: «In atto una battaglia tra male e bene»

La dottoressa e scrittrice è intervenuta in un convegno a Vittorio Veneto in cui ha offerto un excursus sulle fiabe e la letteratura, parlando dei tempi odierni: «Ogni epoca ha una battaglia e noi la vinceremo con coraggio, determinazione e un po' di fede in Dio»

C'è chi l'ha conosciuta come medico chirurgo, chi come opinion leader e chi come scrittrice. "Una e trina", Silvana De Mari è soprattutto una donna forte che ha fatto della libertà di pensiero il suo terreno di battaglia e dei suoi libri i diari di una crociata. E' una delle autrici di romanzi e fantasy più note e apprezzate del panorama letterario odierno e vanta numerosi premi e riconoscimenti letterari.

Le fiabe e la realtà

Venerdì sera ha tenuto a Vittorio Veneto il convegno "Gli orchi esistono" in cui ha offerto un excursus storico e un'analisi socio-culturale delle fiabe e della letteratura per bambini e ragazzi contestualizzando i racconti della nostra infanzia al periodo storico in cui sono nati scoprendo come spesso la fantasia celi una realtà nuda e cruda. E così si scopre ad esempio che Peter Pan parla della morte di un figlio, "volato" nell'Isola che non c'è, che il Brutto Anatroccolo nasconde il dolore della diversità, che Pinocchio è una storia tanto laica quanto intrisa di simbolismo cattolico (vedi il Geppetto-Creatore e il Lucignolo-lucifero). Non poteva naturalmente mancare nello spaccato descritto dall'autrice anche il genere a lei più congeniale, il fantasy, che attraversa e immerge l'epoca attuale: «E' l'unico genere letterario che parli di lealtà, coraggio e cavalleria e che osi parlare di Dio e della morte» ci spiega e ne prendiamo piacevolmente coscienza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fantasy parla di noi

Se quindi quello che va per la maggiore oggi è un genere intriso di morte è perchè i secoli XX e XXI non difettano certo in genocidi e orrori vari, ma non dimentichiamo, come ha sottolineato la scrittrice, che il genere è amato altresì perchè «intriso di valori positivi e di vita» di cui, oggi, c'è un bisogno estremo. Perchè in fondo chi ha occhi per vedere si rende conto dello scontro nella società attuale: la sfida più o meno velata tra bene e male, vita e morte. Un'epoca per certi versi «terrificante ma anche meravigliosa» e che ha molto da offrire. Esattamente come in un fantasy in cui tra le righe di un mondo fantastico troviamo gli ingredienti e l'essenza di oggi. Come andrà a finire? E' evidente che la missione è distruggere l'anello per salvare la Terra di Mezzo o sconfiggere l'Oscuro Signore. Missioni in cui Frodo non è certo da solo e in cui Hania è ben equipaggiata. Per Silvana De Mari, dunque, non c'è da aver paura: «Ogni epoca ha la sua battaglia e la vinceremo con coraggio, determinazione e un po' di fede in Dio». Proprio come fantasy insegna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Lutto per lo scoutismo trevigiano: malore improvviso stronca Mario Favaretto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento