rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca

Dalla Marca alla Siria per combattere per l'Isis, la Procura di Venezia chiede il processo

Sonia Khediri, ragazza che nel 2014 lasciò Fonte, è accusata di terrorismo. Ora spetterà al giudice decidere o meno il rinvio a giudizio nei suoi confronti

La Procura di Venezia ha chiesto il rinvio a giudizio nei confronti di Sonia Khediri, la ragazza che nel 2014 lasciò Fonte, in provincia di Treviso, per raggiungere la Siria e combattere con l'Isis. La giovane potrebbe essere ora processata per terrorismo: la decisione spetterà ora al giudice per l'udienza preliminare che dovrà valutare se gli elementi raccolti a suo carico durante l'indagine, sono sufficienti per decidere di processarla. Sonia era appena maggiorenne quando fuggì da Oné di Fonte; le ultime notizie risalgono al 2018 quando la ragazza, radicalizzatasi mentre si trovava nella Marca, era ospitata in un campo profughi siriano. La ragazza, negando di essere una terrorista, disse di trovarsi lì perché il marito si voleva arruolare per combattere per il sedicente Stato Islamico. Sempre nel 2018 la Procura di Venezia aveva diramato un mandato di cattura internazionale per Sonia. I giudici però lo negarono, non essendo emerso nessun ruolo di rilevo della giovane nell'Isis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Marca alla Siria per combattere per l'Isis, la Procura di Venezia chiede il processo

TrevisoToday è in caricamento