rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cronaca Montebelluna

Biblioteca e museo civico di Montebelluna tornano ad essere diretti dal comune

La scelta, maturata attraverso il confronto con i due servizi, mette in sicurezza le due realtà culturali conservandone l’autonomia scientifica

MONTEBELLUNA  In precedenza gestite da istituzioni distinte, la biblioteca comunale di Montebelluna ed il museo civico, sono state unificate nel 2010 sotto l’unica istituzione “Montebelluna Cultura” con l’obiettivo di aumentare le sinergie reciproche. Un'operazione che ha presentato dei limiti nel corso di questi cinque anni, in quanto le due strutture hanno dimostrato esigenze diverse sia rispetto alla programmazione ed i servizi erogati.

L’evoluzione normativa ha portato alla scelta di sopprimere l’istituzione Montebelluna Cultura per le seguenti ragioni. Quella dell’istituzione è una formula gestionale ibrida in quanto non gode di soggettività giuridica autonoma come può avere, ad esempio, l’azienda speciale. Essa rimane infatti incardinata nell’ente che la genera pur avendo un consiglio di amministrazione ed un proprio bilancio.

Fino allo scorso anno essa ha goduto di alcuni, limitati, vantaggi per chi aveva la funzione di gestire i servizi: meno burocrazia nella programmazione e, per un breve periodo,  la possibilità di fare spese di investimento all’infuori dal patto di stabilità. Tutto questo oggi viene cancellato dall’evoluzione normativa che impone alle istituzioni l’obbligo di adeguarsi al bilancio in contabilità armonizzata del comune e di avere, oltre che un conto economico, anche il bilancio finanziario tipico degli enti pubblici, con le conseguenti incombenze procedurali, quali determine ed impegni di spesa.

I benefici sono quindi diminuti e si verrebbe a creare lo svantaggio per l’istituzione di avere lo stesso carico burocratico comunale dovendo poi essere sottoposta a un ulteriore controllo procedurale da parte del Comune stesso con un conseguente raddoppio dei costi gestionali per la parte strettamente amministrativa.

Di qui la scelta dell’amministrazione comunale di portare all’approvazione delcConsiglio comunale la proposta di delibera per la revoca e lo scioglimento dell’istituzione “Montebelluna Cultura” in analogia a quanto già avvenuto in molti altri comuni del Veneto. Si tratta, più che di una decisione vera e propria, della presa d’atto che sono venute meno le condizioni di vantaggio della formula ibrida.

Il sindaco ed assessore con delega alla cultura, Marzio Favero, spiega: “A fronte della trasformazione normativa che va a svuotare il senso dell’Istituzione, due erano le alternative percorribili, la prima era quella di esternalizzare completamente biblioteca e museo, ad esempio con la formula dell’azienda speciale, o altre equivalenti. Questa scelta avrebbe potuto garantire la massima autonomia amministrativa e quasi azzerare le procedure burocratiche, ma avrebbe anche comportato lo shock dell’esternalizzazione totale del personale, mentre con l’Istituzione ad essere esternalizzati erano solo i servizi, non i dipendenti rimasti nei ranghi dell’organico comunale."

"La seconda alternativa - prosegue il primo cittadino - quella scelta, è di ricondurre i servizi della biblioteca e del museo nell’ambito dei servizi municipali. Questo comporta gli oneri burocratici tipici dell’ente pubblico, ma anche maggiore trasparenza e risparmi gestionali. Sulla questione c’è stato un lungo confronto con le direttrici della Biblioteca e del Museo, in cui sono stati approfonditi tutti gli aspetti problematici, che si è concluso con un accordo rispetto alla seconda opzione."

"La verità è che esternalizzare completamente la biblioteca ed il museo rappresenterebbe una soluzione pericolosa nel contesto attuale. In altri anni l’esternalizzazione era stata colta come una straordinaria opportunità per intercettare fondi a tutti i livelli, Ministeriali, regionali e da privati. Ma, negli anni della crisi economica, queste possibilità sono scemate. Piuttosto, re-incardinare la biblioteca ed il buseo come servizi dell’organizzazione comunale, assicura stabilità e dà maggiori prospettive per il futuro."

"Non dimentichiamo che Montebelluna è il comune sopra i 30mila abitanti più esposto in provincia di Treviso nell’ambito culturale: sia per le dimensioni del servizio bibliotecario, che per l’attività del Museo. Si è convenuto col personale, durante un incontro tenutosi giovedì scorso, di provvedere altresì all’adozione di un regolamento che ribadisca l’autonomia culturale e gestionale dei due servizi, come è sempre stato e come dovrà continuare ad essere."

"È un passaggio importante, ha concluso Favero, perché la cultura deve essere il luogo libero ove tutte le idee hanno diritto di cittadinanza, di essere rappresentate e di essere oggetto di confronto, e non un terreno in cui si scontrano le opposte retoriche. Agli effetti pratici, nulla cambierà perché il nostro personale in questi anni difficili è riuscito persino a potenziare i servizi: la biblioteca ha introdotto l’orario continuato, anticipato l’orario di apertura ed è diventata il motore organizzativo degli eventi culturali intercomunali mentre il Museo ha scandito la vita culturale della città con mostre molto apprezzate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biblioteca e museo civico di Montebelluna tornano ad essere diretti dal comune

TrevisoToday è in caricamento