menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Profughi della caserma "Serena" sorpresi a spacciare in via Roma

Controlli straordinari dei carabinieri nella zona: a finire nei guai due migranti nigeriani che avevano già guadagnato 400 euro vendendo marijuana ai giovani clienti che transitano in zona

TREVISO Due profughi nigeriani di 25 e 27 anni, ospiti della caserma “Serena” di Dosson di Casier, sono stati sorpresi a spacciare dai carabinieri e denunciati. I migranti sono finiti nella rete dei controlli effettuati dai carabinieri del nucleo radiomobile di Treviso nel corso della giornata di lunedì, soprattutto nella zona tra la stazione delle corriere e la stazione ferroviaria, tradizionale punto di ritrovo per spacciatori e acquirenti.

Il 25enne è stato fermato e controllato tra via Roma e via LungoSile Mattei: lo straniero nascondeva, in un guanto, 23 grammi e mezzo di marijuana ed in tasca aveva 70 euro, frutto del suo “lavoro” di pusher. Il più esperto “collega”, il 27enne, ha tentato di scappare quando i militari hanno manifestato la loro intenzione di controllarlo: la sua fuga a piedi è durata appena una cinquantina di metri ed è poi stato subito bloccato. Il richiedente asilo aveva in tasca 14 grammi di marijuana e 325 euro in contanti, segno che la giornata di smercio di droga era stata fin li particolarmente fruttuosa. Ma chi ha rifornito di marijuana questi piccoli pusher? E' proprio su questo versante che si muovono le indagini dei carabinieri di Treviso. Il sospetto è la presenza di un'organizzazione che sfrutti i profughi per il “lavoro sporco” di spacciare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento