menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roncade: follia in autostrada, autista spara alla macchina che lo aveva superato

L'episodio è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato. Protagonista un uomo a bordo della sua Alfa Romeo che non ha gradito un sorpasso da parte di una coppia di mezza età

RONCADE Ha rischiato di trasformarsi in tragedia un semplice sorpasso sull'autostrada A23. Protagonisti della vicenda una coppia di Udine e un uomo di 47 anni, residente a Budoia, ma domiciliato a Mestre.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", la coppia era entrata in autostrada al casello di Udine sud intorno alle 20 di sabato sera, a bordo di una Mazda CX5. Dopo pochi chilometri, i due hanno trovato sulla corsia di sorpasso un'Alfa Romeo 156 Sw. Andando più veloci, hanno provato a superarla, ma il conducente ha iniziato a fare di tutto pur di non lasciarli passare. Alla fine, dopo diversi tentativi, l'udinese è riuscito a superare la vettura ma a questo punto è iniziata la follia. L'uomo a bordo dell'Alfa ha impugnato la sua pistola ad aria compressa, ha tirato giù il finestrino e ha fatto fuoco contro la macchina della coppia. Il 55enne alla guida della Mazda ha avuto appena il tempo di osservare dallo specchietto retrovisore quello che stava facendo il suo inseguitore, prima di sentire il lunotto posteriore andare in mille pezzi. Dopo essersi accertati che nessuno dei due fosse rimasto ferito, l'udinese e la compagna hanno deciso di inseguire l' Alfa Romeo, che procedeva a velocità sostenuta verso Venezia. Prima di fermarsi all'altezza dell'uscita di Latisana, il 55enne è riuscito a trascrivere il numero di targa e a comunicarlo alla polizia. Così, attorno alle 20.20, la pattuglia della stradale di Palmanova è intervenuta su richiesta del Coa e ha raccolto la testimonianza della coppia.

La corsa del folle autista è finita a Roncade quando gli agenti della polizia stradale di San Donà sono riusciti a intervenire e a fermarlo. Fabio Zanus Michiei, questo il nome del guidatore, in un primo momento ha negato ogni responsabilità. Portato alla stazione della Polstrada di Palmanova è stato perquisito con l'ausilio degli agenti della Scientifica e della Mobile (coordinati dal vicequestore aggiunto Massimiliano Ortolan). Nell'auto, nascosta sotto il sedile posteriore del lato destro, gli agenti hanno trovato una pistola ad aria compressa, con inseriti nel caricatore 6 bossoli, di cui uno esploso. A quel punto per l'uomo è scattata inevitabile la denuncia. Ora dovrà rispondere a una serie di imputazioni che comprendono l'uso improprio di armi, il danneggiamento e le lesioni di persona.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento