Spresiano contro ecovandali e degrado: pronta l'installazione di telecamere sul Piave

Pugno duro dell'Amministrazione comunale che, anche per evitare episodi di prostituzione, ha deciso di portare a 50 le telecamere a tutela del fiume sacro alla Patria

SPRESIANO E' tutto pronto a Spresiano per l'installazione di ben 29 telecamere di videosorveglianza lungo il Piave e che, insieme alla ventina già presente sul territorio, porterà il Comune ad avere ben 50 occhi puntati 24/24H sugli ingressi principali al fiume sacro alla Patria. Difatti, dopo gli innumerevoli episodi di abbandono rifiuti degli ultimi mesi lungo gli argini del fiume, l'Amministrazione è ora corsa ai ripari. Come riporta "il Gazzettino", già a partire dal Parco Grave i controlli saranno serrati, soprattutto verso poi la golena. Nel mirino non solo gli ecovandali però, ma anche coloro che festeggiano lungo le sponde del Piave illegalmente e persino l'attività di prostituzione che negli ultimi mesi ha preso piedi in diversi punti di accesso al fiume. I lavori comunque termineranno entro la fine dell'anno in corso con l'aiuto di Contarina, per un totale di 185mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Lanciamissili abbandonato in un fossato, giallo a Ponzano Veneto

  • Tragedia in A28, indagata per omicidio stradale anche la figlia della vittima

Torna su
TrevisoToday è in caricamento