Spresiano contro ecovandali e degrado: pronta l'installazione di telecamere sul Piave

Pugno duro dell'Amministrazione comunale che, anche per evitare episodi di prostituzione, ha deciso di portare a 50 le telecamere a tutela del fiume sacro alla Patria

SPRESIANO E' tutto pronto a Spresiano per l'installazione di ben 29 telecamere di videosorveglianza lungo il Piave e che, insieme alla ventina già presente sul territorio, porterà il Comune ad avere ben 50 occhi puntati 24/24H sugli ingressi principali al fiume sacro alla Patria. Difatti, dopo gli innumerevoli episodi di abbandono rifiuti degli ultimi mesi lungo gli argini del fiume, l'Amministrazione è ora corsa ai ripari. Come riporta "il Gazzettino", già a partire dal Parco Grave i controlli saranno serrati, soprattutto verso poi la golena. Nel mirino non solo gli ecovandali però, ma anche coloro che festeggiano lungo le sponde del Piave illegalmente e persino l'attività di prostituzione che negli ultimi mesi ha preso piedi in diversi punti di accesso al fiume. I lavori comunque termineranno entro la fine dell'anno in corso con l'aiuto di Contarina, per un totale di 185mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

  • Incendio alla "Carosello" di Castelfranco: capannone devastato

Torna su
TrevisoToday è in caricamento