rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Spresiano

Sequestro e botte ad un 45enne, la Cassazione conferma la condanna

Angelo Maccarone, 25enne di Maddaloni (Caserta) e il compaesano Nunzio Tedesco, 23 anni, erano stati ritenuti colpevoli dei reati di rapina pluriaggravata, sequestro di persona e lesioni personali aggravate ai danni di un elettricista di Breda di Piave

Lo hanno picchiato, derubato e tenuto in ostaggio perchè volevano che lui rivelasse i codici del bancomat. Per Angelo Maccarone, 25enne di Maddaloni (Caserta) e per il compaesano Nunzio Tedesco, 23 anni, la condanna a 4 anni di reclusione, inflitta loro dal gup di Treviso in abbreviato e confermata il 18 marzo del 2021 dalla Corte d'Appello di Venezia, è diventata definitiva. La Corte di Cassazione ha infatti respinto il ricorso dei due ragazzi, giudicati colpevoli dei reati, commessi in concorso, di rapina pluriaggravata, sequestro di persona e lesioni personali aggravate.

La vittima, un elettricista 45enne di Breda di Piave, era stata sequestrata il 23 settembre del 2019 nel parcheggio della Odissea di Spresiano. Intorno alle 4 del mattino l'uomo stava riposando nella sua macchina prima di tornare a casa, dopo una serata all'interno del club, quando i due giovani inizialmente gli hanno chiesto un passaggio. Vedendo però che non c'era modo di convincere il trevigiano (che non li conosceva), lo hanno aggredito e si sono fatti consegnare le chiavi, il cellulare e il portafogli

Uno dei ragazzi si è messo al volante dell'auto del 45enne, l'altro si è invece seduto dietro insieme alla vittima. Hanno guidato a lungo, almeno una trentina di chilometri, fino a Caposile e qui hanno deciso di fermarsi nelle vicinanze di un bar. Per gli investigatori i sequestratori volevano sapere i codici delle carte per raggiungere una banca e prelevare. 

Fortunatamente un passante si è accorto di ciò che stava accadendo e ha lanciato l'allarme. I militari, raggiunta l'auto, hanno raccolto dalla vittima una veloce descrizione dei due sequestratori e non molto distante li hanno fermati, mentre vagavano a piedi dopo aver abbandonato il bottino.  Gli Ermellini rilevano che la corte territoriale, con motivazione congrua e coerente, ha confermato la ricostruzione del fatto operata dal Giudice di primo grado, senza che con essa il ricorso si sia confrontato, se non in termini di assoluta genericità

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestro e botte ad un 45enne, la Cassazione conferma la condanna

TrevisoToday è in caricamento