menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stradone del Montello: ottenuto il finanziamento per sostituire la staccionata

A dare la notizia è stato il Comune di Montebelluna che ha annunciato di voler sistemare l'attuale staccionata con una struttura più durevole. Sessantamila euro il costo dell'intervento

MONTEBELLUNA La staccionata realizzata alcuni anni fa dal Consorzio del Montello nel tratto dello Stradone del Bosco che da Crocetta, passando per Montebelluna, Volpago del Montello e Giavera, arriva fino a Nervesa della Battaglia, sta iniziando a mostrare i segni dell’età. 

In particolare, il fenomeno è evidente nel tratto montebellunese, ove l’umidità alta e la ridotta esposizione al sole, favorisce la marcescenza dei pali in legno. Inutili si sono dimostrati i tentativi di sostituire le parti ammalorate con pali trattati in autoclave provenienti dal Trentino. Di qui la decisione assunta dall’assemblea dei sindaci del Consorzio del Bosco del Montello di concordare con la Soprintendenza, poiché l’ambito è oggetto di vincolo ambientale, di provvedere alla progressiva sostituzione dell'attuale staccionata in legno con una diversa struttura più durevole. L’amministrazione di Montebelluna aveva previsto in bilancio un intervento di circa 60.000 euro per sostituire circa 600 metri lineari di staccionata con strutture di protezione in acciaio corten, ovvero ferro trattato in modo da ossidarsi attraverso una patina di ruggine superficiale che protegge il materiale sottostante.

Spiega il Sindaco: “Due sono le novità, rispetto alla proposta originaria. La prima è che la Soprintendenza, verificata la situazione sul campo, ha ritenuto di autorizzare, fra le due ipotesi avanzate dal comune, anziché la messa in posa del guard rail, quella di realizzazione una staccionata in acciaio corten. Una soluzione esteticamente meno costosa e più gradevole, peraltro. La seconda novità è che la Regione Veneto ha deliberato di concedere un contributo di 30,5 mila euro che andrà ad aggiungersi ai 61mila già stanziati dal Comune. Con i 91,5mila euro in tal modo a disposizione, il Comune potrà così ampliare dai 300 metri inizialmente previsti a un km circa l’estensione della staccionata da sostituire. Confidiamo, perciò, di dare una risposta adeguata ai cittadini che ci hanno chiesto una messa in sicurezza più adeguata del percorso.” Commenta l’assessore ai lavori pubblici Michele Toaldo: “Interverremo sul tratto di staccionata compreso tra la presa 17 e la presa 19 e oltre. I prossimi passaggi prevedono la pubblicazione dell’avviso di gara e la successiva aggiudicazione dei lavori di installazione che partiranno fra il febbraio/marzo del prossimo anno. Nel frattempo, raccogliendo il suggerimento di diversi cittadini, esporremo dei cartelli per informare che la staccionata in legno è ormai degradata, destinata alla sostituzione e quindi non ci si deve appoggiare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Raid nella notte, negozio islamico dato alla fiamme

  • Cronaca

    Accesso abusivo alle banche dati, finanziere arrestato

  • Attualità

    Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento