Studentessa molestata in treno: due anni e nove mesi a un 29enne marocchino

Gli abusi una sera di marzo del 2010 nel vagone del regionale Venezia-Udine: la ragazza, all'epoca dei fatti 21enne, si è divincolata rimediando un ceffone in pieno volto

TREVISO Più volte aveva tentato di avvicinarla, ma senza successo. Nel marzo 2010 è passato però alle maniere forti, allungando le mani e rifilandole uno schiaffo di fronte al suo rifiuto. Finito a processo per rispondere dei reati di violenza sessuale e lesioni, un marocchino di 29 anni è stato condannato dai giudici del tribunale di Treviso a due anni e nove mesi di reclusione.

Vittima degli abusi subiti all'interno di una carrozza del regionale che collega Venezia a Udine una studentessa che all'epoca dei fatti aveva 21 anni. Recandosi all'università da pendolare tutti i giorni, la giovane aveva avuto modo di incrociare più volte quel ragazzo, che in un paio di occasioni aveva cercato di attaccare bottone.

Un giorno però, all'altezza di Treviso, quando il vagone era semivuoto le sue intenzioni si sono fatte più esplicite: secondo l'accusa l'avrebbe afferrata e toccata nelle parti intime. La giovane, sconvolta, ha reagito divincolandosi e per tutta risposta si è beccata un ceffone.

A quel punto il 29enne si è dato alla fuga scendendo a Treviso. Alla ragazza non è rimasto altro da fare che sporgere denuncia alla Polfer che, dopo qualche mese di indagini, è riuscita a risalire all'autore del gesto, spedendolo di fronte ai giudici.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento