Suicida in carcere a soli 23 anni: era uno dei rivoltosi dell'ex caserma Serena

Nelle scorse ore il maliano Chaka Ouattara si è tolto la vita all'interno del carcere di Verona dove si trovava in isolamento. Era accusato di sequestro, saccheggio e devastazione

Il momento di uno degli arresti all'ex Serena

Sequestro, saccheggio e devastazione. Erano queste le accuse che ormai dal tempo pendevano sul 23enne maliano Chaka Ouattara, uno dei facinorosi della violenta rivolta avvenuta lo scorso giugno all'interno dell'ex caserma Serena di Dosson. Ouattara, infatti, insieme ad altri migranti ospiti dell'hub aveva improvvisamente aggredito alcuni infermieri dell'Ulss 2 intenti ad effettuare i dovuti tamponi a coloro che si trovavano nella struttura, il tutto a causa del fatto che l'hub stesso si era ben presto trasformato in un importante focolaio Covid. Una volta arrestato il 23enne era subito stato portato in carcere a Santa Bona ma, come riporta "la Tribuna", da una decina di giorni il giovane era stato spostato in isolamento all'interno del carcere di Verona. 

Il ragazzo, però, ha subito sofferto molto questo allontanamento dalla Marca e dagli altri arrestati di giugno, tanto da chiamare persino il suo avvocato il giorno prima di togliersi la vita nella sua cella. A determinare questo ultimo ed estremo gesto anche, forse, la difficoltà di poter richiedere gli arresti domiciliari non avendo lui un luogo dove poter risiedere e scontare un'eventuale condanna. Così, probabilmente con i lacci della sua tuta, Chaka nelle scorse ore ha deciso di farla finita senza che inizialmente nessuno si sia accorto di nulla. Proprio questo aspetto preoccupa ora il legale del 23enne che chiede al Pm incaricato di andare a fondo nella vicenda, anche solo per capire come sia stato possibile un tale gesto visto che un detenuto isolato dovrebbe essere più controllato di un detenuto ordinario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento