rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Si giocava i soldi dei clienti al Lotto: tabaccaio condannato per peculato

Un 50enne residente nella Marca, affetto da ludopatia, è stato condannato dal Gup Marco Biagetti per non aver versato all'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli una somma di oltre 140mila euro

Utilizzava i soldi dei clienti della sua tabaccheria e li spendeva per giocare al "Lotto" invece di versarli all'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Un tabaccaio 50enne, residente nella Marca è stato condannato, ad un anno e dieci mesi di galera per peculato.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso",  la sentenza del giudice delle udienze preliminari Marco Biagetti è arrivata nei giorni scorsi ma i fatti risalgono al settembre del 2019, quando l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli si era accorta che il tabaccaio malato di ludopatia non aveva versato le giocate al Lotto della settimana tra il 28 agosto e il 3 settembre. Ben 140.313 euro spariti e utilizzati dal tabaccaio per giocare al "gratta e vinci" senza riuscire a vincere nulla. Difeso da un avvocato del foro di Venezia, l'uomo ha chiesto ed ottenuto di essere giudicato in rito abbreviato. Il processo si è svolto a porte chiuse e ha permesso all'ex tabaccaio di ottenere lo sconto di un terzo della pena. Il pubblico ministero Valeria Peruzzo aveva chiesto al Gup la condanna del tabaccaio a tre anni di reclusione. Non è escluso che il legale del tabaccaio decida di chiedere un ulteriore sconto di pena in Corte d'Appello. Il 50enne ha infatti iniziato in questi mesi un percorso riabilitativo per risolvere i suoi problemi di ludopatia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si giocava i soldi dei clienti al Lotto: tabaccaio condannato per peculato

TrevisoToday è in caricamento